Prefazione di Paolo Alberto Giannetti  (Webmaster del TerracinaBlog.com).

Inizia da oggi, in esclusiva per il TerracinaBlog.com, la pubblicazione dei copioni integrali

di tutte le opere teatrali di Cesàreo Legge.

Credo che sia un grande lascito culturale per questa città.

Chiunque vuole ha l’autorizzazione dell’autore per rappresentarle.

 

 

 

 

        47 di  piede

 

                               di

 

           Cesàreo Legge

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Posizione S.I.A.E.

    Sezione D.O.R.

Cod. AADD 114162

 

                                                           Personaggi

 

 

                                                           Filomena                   30-50 anni

 

                                                           Angelo                       (Marito) 30-50 anni

 

                                                           Nina                           20-25 anni

 

                                                           Clorinda                    20-25 anni

 

                                                           Armida                       (Ostetrica) 40-60 anni

 

                                                           Crispino                    (Fratello di Nina) 30-50 anni

 

                                                           Leonardo                  (Fratello di Clorinda) 20-25 anni

 

                                                           Tommaso                  (fratello di Filomena) 20-25 anni

 

                                                           Don Fausto               50-60 anni

 

                                                           Peppino                    (Cantiniere) 50-60 anni

 

                                                           Zingarella                 12-16 anni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel primo atto la scena si svolge in una piazza ove si affacciano tre vicoli. Uno a sin. Al fianco del quale vi è una cantina praticabile. Uno centrale al fianco del quale vi è una finestra non praticabile, abitazione di Angelo nella quale si accede appunto, per il vicolo centrale ed uno a des. Al fianco del quale vi è una finestra praticabile, abitazione di Clorinda nella quale si accede per il vicolo di des.

 

                                                                       In breve

                                                                       ———–

            Allettati dalla promessa di una favolosa donazione da parte di un ricchissimo parente “americano” a patto che procreino un figlio maschio al fine di tramandare il nome, Angelo e Filomena, modesti popolani, si danno un gran daffare per conseguire lo scopo riuscendo però a procreare solo femmine. Temendo che il fatto dipenda da qualche malformazione, consultano uno specialista e, per vincere la mala sorte, anche una cartomante. Il medico non trova però difetti nei due malcapitati e non sa suggerire la terapia adatta. La cartomante, invece, dice che per generare maschi, l’uomo deve possedere i piedi grandi, almeno per una scarpa numero 47.

            Angelo che i piedi li ha piccoli dovrebbe recarsi in Cina per essere sottoposto ad un intervento chirurgico doloroso, difficoltoso, costosissimo e per di più neppure di effetto sicuro. Osservando il piede del compare Crispino il quale intanto diventa padre di un quarto maschietto, Angelo si convince della fondatezza del giudizio della cartomante, in quanto il compare Crispino calza scarpe, sicuramente della misura 47. Convince allora la moglie ed il compare ad unirsi carnalmente affinché con la sicura nascita del maschio possa finalmente entrare in possesso del denaro del fratello d’America.

 

N.B.    Questa commedia anche se può essere recitata come episodio unico, è da conside-rarsi come primo episodio di un secondo racconto che ha per titolo: “Carciòfi e cetrioli”.

Però,anche questo secondo racconto può essere rappresentato come commedia a sé stante,

a discrezione di chi organizza le rappresentazioni. Si consiglia,comunque,di leggerle entrambe.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                           ATTO            PRIMO

                                                                       SCENA I

(Un mattino di aprile. Si ode il suono di un pianino. Da des. entra Peppino, il quale aperta la cantina si appresta a sistemare un tavolo e delle sedie fuori della porta)

                                                                       SCENA II

(Entra da des. una zingarella e con insistenza chiederà l’obolo a Peppino che le darà una monetina. La zingarella riuscirà per lo stesso vicolo mentre Peppino entrerà in cantina)

                                                                       SCENA III

(Da sin. Entra Tommaso il quale ad alta voce chiama)

 

Tommaso                Leonardo… Leonardo… (Si apre la finestra di des. e si affaccia Clorinda)

                                                                       SCENA IV

Clorinda                   Chi è ?… Sei tu Tommaso, cosa vuoi ?

 

Tommaso                C’è Leonardo ?

 

Clorinda                   Si sta vestendo

 

Tommaso                Digli di far presto

 

Clorinda                   E’ successo qualcosa ?

 

Tommaso                No niente. Devo parlargli di un fatto personale

 

Clorinda                   Un fatto personale ? Allora si salvi chi può !

 

Tommaso                Digli che si sbrighi (Uscendo dalla cantina entra Peppino)

                                                                       SCENA V

Clorinda                   Leonardo, quel perditempo di Tommaso ti sta aspettando

 

Leonardo     (fs)      Cosa gli scappa ?

 

Clorinda                   Lui lo sa (Rientra e chiude la finestra)

                                                                       SCENA VI

Peppino                    Dove andate a far guai ?

 

Tommaso                E a te che ti frega ?

 

Peppino                    Hai dormito con il sedere scoperto questa notte ?

 

Tommaso                Ah, ah ! Che vai cercando ?… Non ti senti bene se non ti impicci degli     

                                    affari degli altri ?

 

Peppino                    Quanto sei ignorante ! Ti sto forse dicendo che non sei figlio a tuo padre ?

 

Tommaso                Perché non provi a rompere i così detti a qualche altro ? (Da des. Entra

                                    Leonardo)

                                                                       SCENA VII

Leonardo                 Le hai parlato ?

 

Tommaso                Certo che le ho parlato

 

Leonardo                 Quando ?

 

Tommaso                Qualche minuto fa

 

Leonardo                 E che ha detto ?

 

Tommaso                Che vuole parlare con te… E poi un fatto strano

 

Leonardo                 Di che si tratta ?

 

Tommaso                Ha detto che vuole toccare con le sue mani

 

Leonardo                 Come ha detto ?

 

Tommaso                Che vuole toccare con le sue mani

 

Leonardo                 Così ha detto ?

 

Tommaso                E’ quello che ti sto dicendo

 

Leonardo                 Tommaso, sei sicuro ?

 

Tommaso                Sono sicuro si… (Leonardo tra sé)

 

Leonardo                 “Vuole toccare con le sue mani”….. E cosa vuole toccare ?

 

Tommaso                Ed io cosa ne so ?… Solo lei sa cosa vuole toccare

 

Leonardo                 Questo fatto mi lascia perplesso… Vuole toccare con le sue mani.

 

Tommaso                A me, così ha detto

 

Leonardo                 Ehi, guarda che io vado e poi sono affari suoi ?

 

Tommaso                Leonardo lo ha detto lei. Vuole toccare ? Tu falla toccare.

 

Leonardo                 Un accidenti ! E se hai capito male ?

 

Tommaso                Ti arrangi. Io quello che dovevo fare l’ho fatto. Ora tocca a te

 

Leonardo                 E se hai capito fischi per fiaschi ?

 

Tommaso                Se ho capito fischi per fiaschi peggio per te perché questa è la volta 

                                    buona che il padre te le suona per le feste (Dalla cantina esce Peppino)

                                                                       SCENA VIII

Peppino                    Io l’ho detto che oggi voi andate trovando numeri. Attenti però perché,

                                    da quello che ho capito, i numeri che cercate sono troppo alti per voi

 

Leonardo                 Dimmi un po’ Peppino, ci stai forse spiando ?

 

Tommaso                Non sarebbe il caso che ti occupassi solo delle tue faccende ?

 

Peppino                    Per carità !… Che cosa ho detto ?

 

Leonardo                 Ora ha poca importanza. Portaci, piuttosto, una gassosa

 

Peppino                    Una gassosa ?

 

Tommaso                Che sei sordo ?… Una gassosa si.

 

Peppino                    Con voi metto i soldi in banca ! (Si avvia)

 

Tommaso                Peppino….. Due bicchieri… Infuriato, Peppino, entra in cantina mentre

                                    i due ridono e si siedono al tavolo)

                                                                       SCENA IX

Leonardo                 Dove dobbiamo vederci ?

 

Tommaso                Adesso esageri. Io non credo che avesse voglia di farmelo sapere.

                                    A me ha detto solo che vuole toccare.

 

Leonardo                 Io cado dalle nuvole. Come è possibile che possa accadermi un fatto

                                    simile ?… Tommaso, a te è mai successo ?

 

Tommaso                Che cosa ? (Peppino torna in scena con bottiglia e bicchieri che

                                    poggia sul tavolo e poi torna in cantina)

                                                                       SCENA X

Leonardo                 Che una ragazza ti faccia sapere tramite un altro un fatto del genere ?

 

Tommaso                No. A me non è mai accaduto.

 

Leonardo                 Un fulmine a ciel sereno ! Da Nina non mi sarei mai aspettato un fatto

                                    del genere. La facevo una ragazza seria.

 

Tommaso                Caro Leonardo, oggi le ragazze sono tutte uguali. Non hanno più

                                    vergogna di niente. (Leonardo si alza e con fare minaccioso)

 

Leonardo                 Brutto deficiente ! Vuoi che ti rompa il grugno ?

 

Tommaso                Lo stai dicendo tu, mica io. E poi io ti ho riferito quello che mi ha detto

                                    lei. Se è una di quelle peggio per lei, se poi non lo è meglio per lei e

                                    per te. A me che me ne frega ?!…..

 

Leonardo                 Zitto, sta venendo. Ora è meglio se te ne vai.

 

Tommaso                Va bene. Poi mi fai sapere ?

 

Leonardo                 D’accordo. Però ora sparisci. (Tommaso esce. Entra Nina)

                                                                       SCENA XI

Nina                           Proprio te cercavo.

 

Leonardo                 Ed io ti sto aspettando.

 

Nina                           Allora ?

 

Leonardo                 Qui, sotto gli occhi di tutti ?

 

Nina                           Ed allora dove andiamo ?

 

Leonardo                 Andiamo almeno dietro il vicolo.

 

Nina                           Per fare che cosa ?

 

Leonardo                 Per farti vedere, per farti toccare. (Nina gli dà un ceffone)

 

Nina                           Brutto sporcaccione maniaco sessuale ! Chi credi che io sia ?

 

Leonardo                 Ma come. Lo hai detto tu. Ti ho mandato Tommaso e non gli hai detto

                                    che volevi vedere e toccare con le tue mani ?

 

Nina                           Leonardo !… Quello è un modo di dire. Non mi fido di ciò che mi dice

                                    la gente di te e volevo rendermi conto di persona, volevo parlarti,

                                    sentire che intenzioni hai.

 

Leonardo                 Ah !… Così ?… Io credevo…

 

Nina                           Cosa credevi ?… Pappagallo !

 

Leonardo                 Meno male ! Ho pensato che tu fossi una di quelle.

 

Nina                           Quanto sei cretino !

 

Leonardo                 Mi piaci lo sai ?… Sei forte Nina e son contento se ci fidanziamo.

 

Nina                           Anche tu mi piaci ed anche io sono contenta di fidanzarmi con te.

                                    Però io non voglio fare due o tre anni di fidanzamento, mi voglio

                                    sposare subito. Voglio subito una casa mia.

 

Leonardo                 Si. Questa sera lo dico a mamma, lei poi lo dice a papà.

 

Nina                           Già ho tutto pronto. La camera da letto e la biancheria.

 

Leonardo                 Io ho trovato casa. Non è tanto grande, ma fino a quando saremo noi

                                    due soli ci staremo bene. Poi, quando la famiglia crescerà la prenderemo

                                    più grande.

 

Nina                           Brutto scemo !….. Dove sta ?

 

Leonardo                 Qui, dietro il vicolo. Sta vicino a quella dei tuoi genitori così, se vuoi,

                                    puoi andare ogni giorno a trovare tua madre e tuo padre.

 

Nina                           Anche i tuoi genitori. Per me non saranno suoceri, ma una seconda

                                    madre e un secondo padre.

 

Leonardo                 Nina, ti voglio un bene da morire. Sei dolce. Questa sera vengo a farti

                                    la serenata, fatti trovare sveglia…. Nina, ti posso dare un bacio ?

 

Nina                           Sei pazzo ? Ci possono vedere. Questa sera quando vieni per la

                                    serenata. Mi devi far cantare Nina se voi dormite hai capito ? Ora va

                                    via altrimenti le sarte del vicinato incominciano a tagliare e cucire.

 

Leonardo                 Hai ragione. Allora vado…. (da sin entra Tommaso)

 

Tommaso                Allora come è andata la prova, ha toccato con le sue mani ? (Nina gli

                                    dà un ceffone)

 

Nina                           Ho toccato quel cretino che sei. (Nina impettita, esce al centro mentre

                                    uscendo dalla cantina entra Peppino)

                                                                       SCENA XII

Peppino                    Complimenti ! Con i numeri avete già incamerato due cinquine.

 

Leonardo                 Ma va a rompere i giocattoli da un’altra parte ! (Da des. Entra Clorinda.

                                    Mentre ridendo Peppino ritirati bottiglia e bicchieri rientra in cantina)

 

Clorinda                   Leonardo, era tutta questa la fretta che avevi ?

 

Leonardo                 Di che ti impicci ?

 

Tommaso                Non dargli retta Clorìnda. Se ancora stiamo qui è per una questione di

                                    cuore. (Uscendo dalla cantina rientra Peppino)

                                                                       SCENA XIII

Leonardo                 Tu interessati dei fatti tuoi altrimenti ti gonfio di bòtte.

 

Peppino                    Se ancora non si sono mossi è perché sono stati troppo occupati a far

                                    raccolta di numeri. Pensa Clorinda, fino ad ora hanno rimediato una

                                    cinquina per uno.

 

Leonardo                 Hai voglia di dividere le vincite con noi ?

 

Peppino                    Assolutamente no. Io mi accontento di quello che ho.

 

Tommaso                Allora rintanati nella tua cantina e cerca di farti gli affaracci tuoi. 

                                    (Peppino rientra nella cantina)

                                                                       SCENA XIV

Leonardo                 E’ qualcosa di incredibile !

 

Tommaso                Come si permette tanta confidenza ?

 

Leonardo                 Roba da pazzi ! (Si accorge di Clorinda che lo osserva)

                                    E tu cosa vuoi ?

 

Clorinda                   Brutto scemo ! Ti sei infatuato di quella mocciosa ? Quello che mi dà 

                                    fastidio e che sei mio fratello. Povero te ! Quella non ha né sale né pepe.

 

Tommaso                E’ quello che anch’io ho cercato di fargli capire, ma lui è cocciuto

                                    come un mulo.

 

Leonardo                 Cosa vi siete messi in testa, volete far agire il prossimo secondo i

                                    vostri intenti ? Volete capire che dovete impicciarvi esclusivamente

                                    degli affari vostri e smetterla di intrufolarvi nei miei.

 

Clorinda                   Io non posso assistere passivamente alla rovina di un fratello.

 

Tommaso                Clorinda ha ragione. Cerca almeno di valutare se le obiezioni che

                                    facciamo io e tua sorella abbiano, o meno, un minimo di fondamento.

 

Leonardo                 Ah ! E tu insisti ? Se mi salta la mosca al naso vi gonfio di bòtte.

                                    Specialmente tu Clorinda, sbriga le faccende che ti competono senza

                                    impicciarti dei fatti miei altrimenti ti prendo a calci.

 

Clorinda                   Tu provaci ed io lo dico a papà. E tu, come sei bello ! Questo ti sta

                                    trattando come una pèzza da piedi e tu accetti tutto passivamente ?

 

Tommaso                Non esagerare Clorinda ! Siamo amici.

 

Clorinda                   Siete amici ?….. E un amico può permettersi di far minacce, in tua

                                    presenza, alla ragazza che vuoi sposare senza che tu muova un

                                    muscolo ?

 

Tommaso                E cosa dovrei fare ?

 

Clorinda                   Devi dargli una lezione che gli faccia capire che la fidanzata tua,

                                    anche se è sua sorella, non può né toccarla, né maltrattarla.

 

Leonardo                 Vorrei proprio vedere. Dovrebbe solo fare un tentativo e lo rimando a

                                    casa con le ossa rotte.

 

Tommaso                Lo senti ?… Se lui si facesse picchiare io proverei anche a dargli una

                                    lezione, ma lui poi, me la fa scontare. (Le si avvicina e con dolcezza)

                                    Clorinda, lo sai cosa ti dico ?

 

Clorinda                   Che cosa Tommaso ?

 

Tommaso                E’ meglio che te ne vai altrimenti buschiamo tutti e due.

 

Clorinda                   Ti venisse la rogna ! Non guardarmi più in faccia…. Addio ! (Esce                                                  al centro impettita come aveva fatto prima Nina)

                                                                       SCENA XV

Tommaso                Aspetta Clorinda… Ascolta… Clorinda

 

Leonardo                 Smettila Tommaso. Lascia perdere mia sorella. Dobbiamo prepararci

                                    per la serenata sotto la finestra di Nina.

 

Tommaso                La serenata sotto la finestra ?!… Io vi piazzerei una mina.

 

Leonardo                 Oooh !

 

Tommaso                Oh ! che ? Adesso basta ! Sembra che solo tu puoi permetterti di

                                    spassartela con la ragazza ? Caro Leonardo, qui cacciamo tutti il fumo

                                    dalle orecchie, stiamo tutti sotto pressione e piacerebbe pure a me

                                    fare la serenata alla ragazza mia.

Leonardo                 Ehi ! Non ti scordare che parli di mia sorella.

 

Tommaso                E allora ?… Perché è tua sorella non può fidanzarsi ?

 

Leonardo                 Che ragionamento !… Ognuno di noi deve pensare all’avvenire. Mia

                                    sorella, però,  può ancora aspettare. Mica le manca la terra sotto i piedi ?

 

Tommaso                Ed io mica ho detto che ci sposiamo domani ? Aspettiamo, facciamo

                                    passare un paio d’anni…

 

Leonardo                 Cosa hai detto ?

 

Tommaso                Sono pochi ?

 

Leonardo                 Un accidenti ! Quando sono passati tre mesi tu fai le carte e te la sposi.

 

Tommaso                Ma io mi devo ancora sistemare…. E pensare che basterebbe una

                                    fesseria.

 

Leonardo                 Alla faccia della fesserìa !… Devi ancora trovare un lavoro sicuro e tu

                                    dici che è una fesserìa ?

 

Tommaso                Se mia sorella mettesse al mondo un figlio maschio, me ne fregherei

                                    del lavoro.

 

Leonardo                 Tommaso, curati perché stai diventando tutto scemo.

 

Tommaso                No, caro Leonardo, non sono scemo. Mio cognato Angelo ha un

                                    fratello in America, scapolo, che ha un sacco di milioni. Ha promesso

                                    ad Angelo che se mette al mondo un nipote maschio che continui la

                                    stirpe, li lascia tutti a lui.

 

Leonardo                 Ecco perché tutti gli anni ci prova ?!

 

Tommaso                Tutti gli anni ci prova e fino ad ora ha messo al mondo sette femmine.

                                    (Da des. Entra Crispino)

                                                                       SCENA XVI

Crispino                   Leonardo, Tommaso avete visto passare mia sorella ? (I due,

                                    toccandosi la guancia sinistra)

 

Leonardo                 Non solo l’abbiamo vista, ma l’abbiamo anche sentita.

 

Tommaso                Sarà andata a casa perché è andata per di là. (Dal cent. Entrano

                                    Angelo e Filomena)

                                                                       SCENA XVII

Crispino                   Buon giorno Comare… Buon giorno compare…

 

Filomena                  Buon giorno compare.

 

Angelo                      Buon giorno compare, buon giorno.

 

I due giovani           Buon giorno.

Filomena                  La comare come sta ?

 

Crispino                   Incominciano le voglie.

 

Filomena                  Uh !… E che desidera ?

 

Crispino                   Niente comare. Sopporta i dolori senza fare un lamento.

 

Angelo                      Allora che voglia le è venuta ?

 

Crispino                   La voglia di che compare ?

 

Leonardo                 Le è venuta la voglia di cocomero ?

 

Crispino                   Si, la voglia di zucca !… Sono incominciati i dolori.

 

Tommaso                E tu hai detto le voglie ?

 

Crispino                   Perché, come si chiamano ?

 

Filomena                  Le doglie compare e non le voglie. Le doglie da dolore.

 

Crispino                   Come dici tu comare. Sta per nascere. Io cerco mia sorella affinché vada

                                    a farle compagnia mentre vado a chiamare la comare Armida la levatrice.

 

Angelo                      Noi, invece, andiamo dal medico.

 

Crispino                   Perché vi sentite male ?

 

Filomena                  No, non stiamo male, ma…

 

Angelo                      No compare Crispino, non è niente. Forse è solo sfortuna, chi lo sa ?

                                    Andiamo a vedere… Beato te !…..

 

Filomena                  Se non dovessi andare dal medico verrei io dalla comare. Dille, però,

                                    che appena mi sono spicciata vengo.

 

Crispino                   Mi dispiace comare che non vi sentiate bene. Fatti coraggio compare.

                                    Vedrai, sarà di sicuro un falso allarme.

 

Filomena                  Lo spero proprio compare Crispino….. Andiamo Angelo, muoviamoci,

                                    perché se ci ripenso non vengo più dal medico.

 

Angelo                      Si Filomena, andiamo… (I due, molto avviliti, escono a des.. Dalla

                                    cantina esce Peppino)

                                                                       SCENA XVIII

Peppino                    Cosa è successo Tommaso ?

 

Tommaso                Io ne so quanto te Peppino. (Dal cent. Entra Nina)

                                                                       SCENA XIX

Leonardo                 Per andare dal medico qualcosa sotto ci deve essere.

 

Nina                           Chi è andato dal medico ?

 

Crispino                   Il compare Angelo e la comare Filomena.

 

Nina                           Perché che hanno ?….. Tommaso ?…

 

Tommaso                Non lo so Nina, non me lo hanno detto.

 

Crispino                   Per la barba di Noé ! Nina, corri a casa perché Olga sta per sgravare.

Nina                           Per davvero ?… E devo andarci io ?… Io che posso fare ?… Vai a

                                    chiamare la levatrice…

 

Crispino                   Adesso vado. Tu intanto prepara l’acqua calda e la biancheria.

 

Leonardo                 Nina, non vengo più a farti la serenata ?

 

Nina                           Perché non vieni ?

 

Leonardo                 Se tu stai a casa di tuo fratello ?

 

Crispino                   Vi siete fidanzati ?

 

Leonardo                 Ti dispiace ?… Domani mando i genitori a parlare con i tuoi.

 

Crispino                   No, non mi dispiace. Anzi sono contento. E per piacere la serenata

                                    vieni a farla sotto casa mia così l’ascolta anche mia moglie Olga.

 

Leonardo                 Come no ?…

 

Tommaso                Bisognerà solo vedere se Angelo se la sentirà di cantare.

 

Crispino                   Già… Le serenate le canta sempre lui.

 

Nina                           Speriamo bene. Più tardi passo io a ricordarglielo.

 

Peppino                    Crispino, tua moglie fa un altro figlio ?

 

Crispino                   Quella di sapere gli affari degli altri è la tua sola preoccupazione ?

 

Peppino                    Che c’entra Crispino ? Agli amici fa sempre piacere sapere.

 

Leonardo                 Anche perché tu hai un certo interesse.

 

Peppino                    Di cosa parli Leonardo ?

 

Nina                           Che sicuramente si festeggerà per la nascita del bambino e siccome

                                    tu vendi il vino….. (Tutti ridono e Peppino seccato rientra in cantina)

 

Crispino                   Tu ti vuoi sbrigare o no ? Olga può sgravare da un momento all’altro.

 

Nina                           Ti devi sbrigare tu ad andare a cercare la comare Armida. (Si avvia)

Leonardo                 Nina. Fa tanti auguri ad Olga.

 

Nina                           Si, Leonardo. Grazie. (Nina esce a des.. Leonardo si siede)

                                                                       SCENA XX

Tommaso                Cosa pensi Crispino, questa volta sarà femmina o no ?

 

Crispino                   Spero proprio di si. Olga muore dalla voglia di avere una femminuccia.

                                    (Da des. Entra Don Fausto)

                                                                       SCENA XXI

Don Fausto             Buon giorno… Buon giorno a tutti.

 

Crispino                   Buon giorno Don Fausto.

 

Tommaso                Buon giorno.

 

Leonardo                 Buon giorno.

 

Tommaso                E se è maschio anche questo ?

 

Crispino                   Se è maschio sono quattro, caro Tommaso. Quattro maschi.

 

Don Fausto             Vuol dire che riproverai la prossima volta. (Dalla cantina appare Peppino)

                                                                       SCENA XXII

Leonardo                 Come ha fatto Angelo. Prova e riprova ha fatto un convento di

                                    Monache e tu alla fine fai un convento di frati.

 

Tommaso                E pensare che Angelo e Filomena,un figlio maschio,lo pagherebbero oro.

 

Peppino                    Buon giorno Don Fausto. Vi porto qualcosa da bere ?

 

Don Fausto             Per me no… Ancora devo dire messa.

 

Crispino                   Neppure per me, grazie.

 

Leonardo                 Noi abbiamo già bevuto una gassosa.

 

Tommaso                E poi, digiuni, cosa dobbiamo bere ?

 

Peppino                    E ti pareva !… Io sto qui solo per passarvi le sedie ed i tavoli.

 

Don Fausto             Peppino ?!?!…

 

Leonardo                 E finiscila ! A sentirti sembra che tu stia morendo di fame.

                                    (Borbottando Peppino rientra nella cantina)

                                                                       SCENA XXIII

Tommaso                Crispino, se tua moglie mette al mondo un altro maschio, perché non

                                    le fai fare uno scambio con mia sorella Filomena ?

 

Crispino                   Come ?…

 

Tommaso                Olga le dà un maschio e Filomena le dà una femmina…..

 

Crispino                   Se si potesse fare !… Ma sono figli. Chi ha il coraggio di scambiare il

                                    proprio figlio con il figlio di un altro ?… No, mi dispiace, ma ogni

                                    mamma si tenga i figli suoi.

 

Leonardo                 Tommaso sta scherzando.

 

Don Fausto             Su certe cose non si scherza. Anche se per Angelo e Filomena sarebbe

                                    una sistemazione, i figli sono un dono di Dio e ciò che Lui ci manda,

                                    dobbiamo accettarlo con tutto il cuore altrimenti siamo maledetti.

 

Tommaso                Dobbiamo accettarlo noi Don Fausto, tu che c’entri ?

 

Crispino                   E’ un problema che non ti riguarda.

 

Don Fausto             Questo lo dici tu ?… Le vie del Signore sono infinite e i disegni suoi

                                    sono imperscrutabili.

 

Leonardo                 Come come ?… Adesso incominci pure a bestemmiare Don Fausto ?

 

Don Fausto             Tu sogni caro Leonardo. Come puoi pensare che io, prete, possa

                                    bestemmiare. Vuoi farmi morire dannato ?

 

Tommaso                Perché la parolaccia che hai detto prima, forse l’ho detta io ?

 

Don Fausto             Quale parolaccia, benedetto Iddio !…

 

Crispino                   Imper…. Imper…. Come ha detto Leonardo ?

 

Leonardo                 Impersfruttabile. Chi di noi si è permesso di farlo, non sei stato tu ?

 

Don Fausto             Benedetta ignoranza ! Ciò che ho detto io significa che quello che

                                    vuole Iddio non si può né prevedere né calcolare e soprattutto

                                    giudicare. Quello che Lui vuole succede.

 

Tommaso                Vale a dire che se Lui vuole anche tu puoi avere figli ?

 

Don Fausto             Si, caro Tommaso. Se Lui vuole, anch’io posso avere figli. (Dalla

                                    cantina riappare Peppino, da des. Filomena ed Angelo,)

                                                                       SCENA XXIV

Crispino                   Siete andati dal medico ?  (I due molto tristi scuotono la testa)

 

Angelo                      Siamo andati dal medico !

 

Don Fausto             Vi sentite male ? (Filomena ed Angelo fanno gesti per indicare

                                    che il fatto è grave)

 

Crispino                   Compare, comare che significa ?… Volete forse dire che la faccenda è

                                    grave ? (Angelo attraversa la scena e si siede alla sedia che lascia libera

                                    Leonardo il quale ne prende un’altra e la offre a Filomena che a sua volta

                                    si siede)

 

Don Fausto             E’ tanto grave che non avete neppure il coraggio di parlarne ?

Filomena                  E’ grave, anzi gravissimo.

 

Crispino                   Nessuna speranza ?

 

Angelo                      Le speranze ci starebbero, ma ci vogliono un sacco di quattrini.

 

Tommaso                E quelli non li abbiamo.

 

Leonardo                 Allora addio speranze !

 

Peppino                    Cosa avete, che vi sentite ?

 

Don Fausto             L’aspetto sembra ottimo.

 

Filomena                  E’ vero ?… Invece….

 

Don Fausto             Cosa avete di tanto grave ?

 

Tommaso                Volete farvi uscire il fiato. Si può sapere cosa avete ?

 

Angelo                      Abbiamo finito di cucinare.

 

Crispino                   Addirittura ?

 

Leonardo                 Veramente Angelo, hai detto che le speranze ci sarebbero ?

 

Filomena                  Ci sarebbero se ci fossero i quattrini.

 

Tommaso                E senza quattrini ?… Si può sapere che male avete ?

 

Angelo                      Tommaso non è facile. E’ una cosa che riguarda lei.

 

Filomena                  No… Veramente è una cosa che riguarda te.

 

Angelo                      Se tu non avessi fatto tutte figlie femmine…

 

Filomena                  Tu insisti ?… Il medico ha detto…

 

Angelo                      Il medico ha detto, il medico ha detto !… A me pare una cosa strana…

                                    Tu ti gonfi, le porti nel grembo per nove mesi e poi arriva un macellaio

                                    qualsiasi che per clienti ha una collezione di morti o moribondi e dice

                                    che i figli li fa l’uomo e non la femmina.

 

Leonardo                 Questa dichiarazione l’ha fatta veramente il medico ? Per caso quel

                                    signore vede le cose sottosopra ?

 

Don Fausto             Benedetta ignoranza ! Guardate che le coso sono proprio come dice il

                                    medico. I figli li fanno gli uomini e non le femmine.

 

Angelo                      Don Fausto, adesso ti ci metti anche tu ?

 

Peppino                    E’ forse cambiata la natura ? Da che è il mondo i figli li hanno fatti

                                    sempre le femmine invece ora li fanno gli uomini ?

 

Tommaso                Da quando è uscita questa moda ?

 

Don Fausto             Lo vedete cosa significa non andare a scuola ?

 

Leonardo                 Perché a scuola ti insegnano come si fanno i figli e chi li fa ?

 

Filomena                  Siete delle zucche vuote. Secondo voi il medico si fa medico da solo ?

                                    Una mattina si alza e dice: Da oggi faccio il medico

 

Don Fausto             A scuola il medico ha imparato che non è la femmina che fa i figli, ma

                                    l’uomo…….

 

Crispino                   Vi pigliasse un accidenti !… Mi state mettendo in crisi. Fateme capire.

                                    A casa mia, ora, nel letto, in attesa di partorire non c’è mia moglie, ma

                                    ci sono io senza che io lo sappia ?

 

Filomena                  Che cretineria stai dicendo compare Crispino ?

 

Leonardo                 Ha ragione…. Se il medico ha detto che i figli li fanno gli uomini, lui sta

                                    nel letto in casa sua in attesa del figlio e sua moglie invece è qui con

                                    noi. (Filomena passeggia pensierosa sul proscenio)

 

Tommaso                Oooh !… Possibile che non ci sia nessuno che sappia spiegare meglio

                                    questa faccenda ? Si può sapere chi fa i figli ?

 

Filomena                  Tu, caro Angelo non hai capito un tutolo. E questi altri ciucci che hanno il

                                    cervello di gallina non sanno una rapa. Il medico ha parlato chiaro, ma tu

                                    hai fatto finta di non capire….. La femmina, ha detto, è come la terra e

                                    l’uomo è il contadino… Ora, se il contadino pianta carciofi possono, mai,

                                    nascere cetrioli ? Questo ha detto il medico. Tu, fino ad ora hai piantato

                                    sempre carciofi e carciofi sono sempre nati… Diglielo tu Don Fausto.

 

Don Fausto             Caro Angelo è proprio così. Se nel terreno pianti zucche, sempre

                                    zucche escono.

 

Peppino                    Sarà ! Io, però, da questo medico non mi farò visitare né adesso né

                                    mai. Potete dire quello che vi pare, ma a me pare un fatto strano.

 

Angelo                      Anche a me Peppino, anche a me. Io, però, non mi sono fidato di

                                    quello che ha detto il medico.

 

Filomena                  Tanto è vero che mi ha trascinata da quella che fa le carte e predice il

                                    futuro.

 

Don Fausto             Da chi siete andati ?

 

Angelo                      Dalla maga, fattucchiera cartomante.

 

Filomena                  Che ci ha sistemati per le feste meglio che il medico. Diglielo,diglielo.

 

Angelo                      Quello che ha detto ci ha troncato le gambe.

 

Leonardo                 Vi ha detto, almeno, come si fa per piantare i cetrioli ?

 

Filomena                  Si. Occorre una operazione che costa un mucchio di quattrini.

 

Don Fausto             Come ha detto ?

 

Angelo                      Ci vuole un’operazione che costa un sacco di soldi.

 

Tommaso                E quanto ci vuole ?

 

Filomena                  Cinquecento mila lire…

 

Crispino                   Scusate, ma io devo andare a cercare la levatrice (Esce a des.)

 

Peppino                    Io vi lascio perché a quest’ora mia moglie mi aspetta. Il tavolo con le

                                    sedie le ripongo più tardi. (Esce correndo a sin.)

 

Leonardo                 Muoviamoci Tommaso. (Esce a des.)

 

Tommaso                Si vengo. (Esce a des.)

                                                                       SCENA XXV

Angelo                      Sono spariti. Appena hanno sentito nominare i quattrini sono scappati.

 

Filomena                  Tu, non avresti fatto come loro ?…

 

Don Fausto             Io non sono scappato.

 

Angelo                        Tu no, che scappi a fare ? I quattrini non li hai…

 

Filomena                  Non puoi biasimarli Angelo. Cinquecentomila lire non le abbiamo

                                    viste mai

 

Angelo                      Ecco perché la cosa è grave.

 

Don Fausto             Io dico che l’operazione non c’entra. Basta un po’ di fede, qualche

                                    preghiera, qualche offerta e Dio…

 

Angelo                      E Dio mette il seme per mezzo dello Spirito Santo !

 

Don Fausto             Non bestemmiare !… Vuoi finire dannato ?

 

Filomena                  Madonna mia no !… Non è lui che parla. E’ scoraggiato, ma non è

                                    cattivo. Angelo a Pasqua ti confessi e chiedi perdono per quest’atto di

                                    superbia e fai la comunione altrimenti resta l’ombra su casa nostra.

                                    Don Fausto non ci abbandonare. Fa’ qualcosa pure tu. Diglielo a Dio

                                    che Angelo non è cattivo…

 

Don Fausto             La fede non si abbandona mai. Fatevi coraggio, andate, pregate ed io

                                    domani passo a benedirvi.

 

Filomena                  Vieni presto Don Fausto. Io te lo faccio trovare scalzo, spogliato e con

                                    la cenere sul capo….

 

Angelo                      E con il cordone legato al collo !… Io mi faccio trovare scalzo, spogliato e

                                    con la cenere in testa ? (Don Fausto ridendo esce sul fondo)

                                                                       SCENA XXVI

Filomena                  Si Angelo. Devi chiedere perdono per il peccato che hai fatto

                                    altrimenti ti lascio e me ne vado.

 

Angelo                      No Filomena, questo no ! Io poi come faccio, solo e con sette figlie

                                    femmine ?…..

 

Filomena                  Angelo… quanti milioni sono i quattrini che ci lascia tuo fratello ?

 

Angelo                      Se facciamo un figlio maschio Filomena, non dimenticarlo…

 

Filomena                  Si lo so e non lo dimentico, ma quanti saranno ?

 

Angelo                      Tanti Filomena, tanti. Noi possiamo solo sognarli. Va a casa,va. Cambiati

                                    e poi vai dalla comare Olga… Che fortuna che ha il compare Crispino !

 

Filomena                  Compra una scatola di fiammiferi prima di salire in casa altrimenti mi

                                    tocca chiedere alle vicine una paletta di brace.

 

Angelo                      Si la compro. Che fortuna che ha il compare Crispino !

 

Filomena                  Già lo hai detto Angelo, già lo hai detto.

 

Angelo                      Si l’ho detto. Però io volevo dire che ha… (Fa la figura del cerchio con

                                    le dita)

 

Filomena                  Il Padre Eterno ha fatto crescere i piedi solo a lui. Se non hai 47 di

                                    piedi, caro Angelo, i figli maschi non puoi averli. Questo ha detto

                                    la cartomante fattucchiera. Devi farti allungare i piedi e l’operazione la

                                    fanno solo in Cina… Cinquecentomila lire hai capito Angelo ?

 

Angelo                      Crispino è figlio del Padre Eterno…(Indica con le braccia la lunghezza)

                                    Io, invece… Acchiappati questo ! (Afferra a metà l’altro braccio)

                                    Sette figlie femmine !… (Da des. Entrano Crispino ed Armida la quale

                                    è affaticata ed accaldata. Usa continuamente il ventaglio)

                                                                       SCENA XXVII

Crispino                   Sbrigati comare Armida perché può darsi che già sia nato.

 

Armida                      Allora che corro a fare se è nato ? Noi serviamo solo se deve nascere.

                                    (Armida invece di proseguire si mette a sedere ad una delle sedie

                                    della cantina)

 

Crispino                   Come sarebbe ?

 

Armida                      Che la levatrice deve aiutare a far nascere perché dopo ci pensa la

                                    natura.

 

Crispino                   Ma va !?… Allora può darsi che tu non serva ?

 

Armida                      Si. Può darsi che io non serva.

 

Crispino                   Allora se è nato non ti pago.

 

Armida                      Anima e coscienza tua compare Crispino. Se penso a tutte le volte

                                    che mi avete costretta ad alzarmi di notte tra te ed il compare

                                    Angelo, altro che pagare ! Dovrei essere di oro.

 

Crispino                   Il compare Angelo si, lui ne ha fatte sette.

 

Armida                      E tu stai per la via Crispino. Con questo che nasce sono quattro, se

                                    non saranno due o tre insieme.

 

Crispino                   Con questo che vuoi dire che non dobbiamo più fare figli ?

 

Armida                      No, questo no. Però un poco di moderazione non guasterebbe. Anche

                                    perché per la vostra soddisfazione debbo buttare il sangue io.

 

Filomena                  Accidenti !

 

Armida                      Un accidente che ti spacchi ! Sarebbe stato meglio se fossi venuta ad

                                    abitare nel portone di casa tua. Pare che sto di servizio solo per voi ?

 

Crispino                   Dimmi una cosa comare Armida. I figli, specialmente i figli maschi si

                                    somigliano alle madri è vero ? (Angelo osserva i piedi di Crispino e

                                    da dietro le sue spalle, misura il suo piede con i suoi)

 

Filomena                  Mica sempre compare Crispino. Quasi sempre alle madri e qualche

                                    volta anche al padre. (Angelo continua l’azione)

 

Crispino                   E i figli miei a chi somigliano comare ? Alla madre no e neppure a me.

                                    Hanno certi tratti somarici…

 

Armida                      Somatici compare. (Crispino la osserva un attimo)

 

Crispino                   No,no… Hanno certi tratti somarici…

 

Armida                      Somatici, somatici. Compare, si dice somatici hai capito ?

 

Crispino                   Ho capito comare. Sei tu che non vuoi capire. Comare Armida i figli

                                    miei hanno i tratti somarici, si somigliano al somaro poveracci loro.

                                    Speriamo che quello che viene o quella che viene non abbia il muso

                                    del maiale. Eppure io e la madre mica siamo brutti ?

 

Armida                      No compare per carità ! Certo, però, non è tanto bello incontrarvi al buio.

 

Crispino                   Perché comare ?

 

Armida                      A chi non vi conosce potreste creare i vermi.

 

Crispino                   Perché siamo brutti ?

 

Armida                      Compare Crispino, io vado su altrimenti trovo tuo figlio pronto per

                                    Andare a fare il militare. (Armida esce sul fondo)

                                                           SCENA XXVIII

Crispino                   Compare, comare anch’io salgo. Voglio essere presente, capite vero ?

 

Angelo                      Compare Crispino… Ti volevo chiedere un favore… (Crispino tra sé)

 

Crispino                   Ci siamo. Ora mi chiede i quattrini.

 

Filomena                  Io vi lascio. Arrivederci compare.

 

Crispino                   Arrivederci comare (Filomena esce sul fondo)

                                                           SCENA XXIX

Angelo                      Compare Crispino…

 

Crispino                   Se è per quattrini compare, hai sbagliato indirizzo.

 

Angelo                      Si, si tratterebbe di quattrini, ma non sono quelli che cerco Da te.

 

Crispino                   Meno male !

 

Angelo                      Tu sai compare di mio fratello che è in America e che ha detto che mi

                                    dà un sacco di quattrini se gli faccio un nipote maschio ?

 

Crispino                   Me lo hai già detto. Quello che non so è quale è il favore posso farti ?

 

Angelo                      Ora ci arrivo compare Crispino. Filomena ed io, prova e riprova,

                                    sempre con la speranza di avere un figlio maschio, è già la settima

                                    figlia femmina che mettiamo al mondo. Sospettando un difetto fisico,

                                    mio o di mia moglie, siamo andati dal medico. Non ha trovato difetti

                                    fisici, e che è solo questione di fortuna. lui personalmente non può far

                                    niente. Non soddisfatto, ho convinto Filomena a consultare La signora

                                    Colomba, fattucchiera cartomante.

 

Crispino                   E così ?…

 

Angelo                      Quella, al contrario del medico, appena mi ha visto ha detto :

                                    Mi dispiace, ma così, come sei, i figli maschi non potrai averli mai…

                                    A meno che… (Guarda i piedi di Crispino)

 

Crispino                   A meno che Angelo ?

 

Angelo                      A meno che non vai in Cina a farti un’operazione.

 

Crispino                   Un’operazione in Cina ?… Di che si tratta compare ?

 

Angelo                      Un’operazione tanto lunga, difficile, costosa, dolorosissima e che in

                                    fine non è neppure molto sicura.

 

Crispino                   Per la barba di Marco Aurelio ! Mi dici un fiammifero ? Compare Angelo,

                                    io che c’entro in tutto ciò, qual è il piacere che posso farti ? (Si ode il

                                    pianto di un neonato. Dal fondo entra Nina)

                                                           SCENA XXX

Nina                           E’ nato… E’ nato !…

 

Crispino                   Cos’è Nina ?

 

Nina                           Maschio, un bel maschio… (Nina riesce sul fondo)

                                                           SCENA XXXI

Angelo                      Lo sapevo. Ecco compare la risposta alla tua domanda. E sono quattro !

 

Crispino                   Si compare, sono quattro. E allora ? (Guardando i piedi di Crispino)

 

Angelo                      Sono quattro, ma sono quattro maschi. Che sedere che hai !…Io, invece,

                                    sette femmine… Per forza fa i maschi. Al posto dei piedi ha due barche !

 

Crispino                   Vieni a farti un bicchierino compare ?

 

Angelo                      Un altro maschio !…

 

Crispino                   Si compare, un altro maschio. A te pare che dispiaccia ?

 

Angelo                      Per carità ! compare. Magari li potessi avere io ! (Si guarda i piedi)

                                    Io non capisco perché non mi sono cresciuti i piedi come a lui…

 

Crispino                   Cosa hai detto compare ? (Angelo fa un giro intorno a Crispino)

 

Angelo                      Eh ?… Ah ! niente compare, niente. (Crispino si insospettisce)

 

Crispino                   Compare Angelo, ho qualcosa che non va ? (Angelo gli guarda i piedi)

 

Angelo                      Hai qualcosa che non va ?… No, no. La cosa che hai va e come.

                                    Magari potessi averla io !

 

Crispino                   Cosa ho che tu non hai ?

 

Angelo                      Il fatto che tu puoi avere i figli maschi ed io no.

 

Crispino                   Credevo chi sa che. E’ solo fortuna compare Angelo.

 

Angelo                      No compare, non è fortuna. Io lo so e lo sa anche mia moglie……

                                    Compare Crispino, mi devi fare un favore. Devi andare una volta con

                                    mia moglie Filomena.

 

Crispino                   Dove deve andare la comare ? E perché non l’accompagni tu ?

 

Angelo                      No compare. Non devi andare… (Con le mani indica per andare)

                                    Ma devi andare… (Cenni con le mani ad indicare unione)

 

Crispino                   Angelo ho capito bene ?… Tu mi stai chiedendo di andare con

                                    la comare ?… (Anche lui mima con le mani l’unione)

 

Angelo                      Si compare, hai capito bene. Devi unirti una volta con Filomena.

 

Crispino                   Compare mio, tu sei tutto scemo. Capisco la necessità, ma fratello caro

                                    io ho l’impressione che tu abbia perduto ogni misura. Hai forse

                                    l’intenzione di farmi ammazzare da tua moglie ? Appena provo a farle la

                                    proposta, quella mi fa fare la fine di Giulio Cesare.

 

Angelo                      No compare. Ascoltami.

 

Crispino                   Io non ti ascolto più. Tu sei pazzo.

 

Angelo                      Compare Crispino, no, non sono pazzo. Ti prego abbassa la voce

                                    altrimenti si affaccia tutto il vicinato e ciò che dobbiamo fare non

                                    possiamo farlo più.

 

Crispino                   Angelo, ma tu ci fai o ci sei ? Io non faccio proprio niente. E poi

                                    a mia moglie chi glielo dice ?

 

Angelo                      Ora sei tu che fai il deficiente. Tua moglie non dovrà saperlo mai.

                                    Sarà una cosa che rimarrà tra me, te e mia moglie Filomena……

 

Crispino                   Angelo, tu stai facendo sul serio ? Finiscila altrimenti perdiamo l’amicizia.

 

Angelo                      Fammi capire, compare Crispino. Per caso Filomena non ti piace ?…

 

Crispino                   No, no… La comare Filomena mi piace e come !

 

Angelo                      Ah !… E allora ?…

 

Crispino                   Compare Angelo, io non ti capisco. Che uomo sei ?

 

Angelo                      Lascia stare l’uomo compare Crispino. Qui si tratta di milioni e di fronte

                                    ai milioni non si bada al capello.

 

Crispino                   Alla faccia del capello !….. Milioni !… compare hai detto milioni ?

 

Angelo                      Si compare ho detto milioni. I soldi che mi ha promesso mio fratello

                                    sono milioni.

 

Crispino                   Beato te !… Io, però, cosa c’entro ?

 

Angelo                      Tu, compare, con il figlio che ti è nato ora sei padre del quarto maschio.

                                    Io per avere le tue stesse possibilità dovrei andare in Cina e sottopormi

                                    ad un’operazione. Operazione per la quale occorrono quattrini ed io non

                                    li ho, e che poi non sarebbe neppure sicura. Mentre tu…

 

Crispino                   Sto qui bello e pronto, non costo niente, ed è sicuro che faccio figli

                                    maschi ?

 

Angelo                      Così ha detto la signora Colomba la cartomante.

 

Crispino                   E alla comare Filomena chi glielo dice ?

Angelo                      Questo è compito mio. La preparo con calma e spero che non mi

                                    spacchi la testa.

 

Crispino                   Va bene. Domani vengo a casa tua e spero che la comare Filomena

                                    non mi mette le budella in mano.

 

                                               FINE DEL PRIMO ATTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                               ATTO            SECONDO

                                                           SCENA I

(Interno d’appartamento. Cucina – salotto – sala da pranzo. Mobili del caso, tavolo in centro, sedie. A des. La comune, al centro in fondo porta per l’interno, sul lato sin. Finestra o balcone. E’ sera. Filomena stira o cuce. Angelo passeggia nervosamente)

 

Filomena                  Su Angelo. Qualcosa si farà non è mica la fine del mondo ?

                                    Intanto preparati che da un momento all’altro viene Don Fausto a

                                    benedire.

 

Angelo                      Mi preparo a far che ?

 

Filomena                  Devi farti trovare scalzo, spogliato e con la cenere in testa.

 

Angelo                      Stai dicendo sul serio ? (Dalla comune entra Tommaso il quale va alla

                                    credenza, si mesce da bere e va a sedersi al tavolo)

                                                           SCENA II

Filomena                  Certo che sto dicendo sul serio. Non vuoi capire che per far succedere

                                    il miracolo devi fare le cose come si deve ? Se Vuoi chiedere a Dio

                                    che mi dia un figlio maschio, lo devi fare con la umiltà del penitente,

                                    scalzo, spogliato e con la cenere in testa.

 

Angelo                      Ed un cordone legato al collo.

 

Filomena                  Quello non è necessario perché se non riusciamo a farci dare i

                                    quattrini da tuo fratello, alla fine, non solo il cordone ti leghi al collo,

                                    ma una fune di canapa con il sapone.

 

Tommaso                E quindi chiediamo un prestito per farti il funerale.

 

Angelo                      Ti venisse un colpo ! (E mentre senza bussare entra Don Fausto)

                                                           SCENA III

Tommaso                A te e a quel mangia pane a tradimento di Don Fausto. (Don Fausto

                                    che intanto stava richiudendo la porta, resta immobile nella posizione

                                    bloccato dalla frase di Tommaso)

 

Don Fausto             La grazia del Signore sia sempre in questa casa. ! (Attimo di disagio.

                                    Tommaso si alza e gli va incontro)

 

Tommaso                Don Fausto, io non volevo… (Don Fausto lo afferra per un orecchio e

                                    riaccompagnandolo alla sedia)

 

Don Fausto             No, no Tommaso. Tu lo hai detto con tutto il sangue agli occhi

 

Filomena                  No Don Fausto, non dargli retta. Quelle sono cose che si dicono, ma

                                    non si pensano.

 

Don Fausto             Filomena, quelle sono cose che si pensano anche quando non si

                                    dicono. Non importa. Io ci sono abituato.

 

Angelo                      Con quella faccia di mattone che ti ritrovi !

 

Don Fausto             Cosa hai detto ?

 

Filomena                  Che hai una faccia di Angelo e che ti stavamo aspettando per la

                                    benedizione.

 

Don Fausto             Veramente mi è sembrato di sentire tutt’altra cosa.

 

Tommaso                Hai equivocato Don Fausto. Noi ti vogliamo tutti bene.

 

Filomena                  E troppo ti vorremmo bene se tu con la benedizione favorissi la

                                    nascita di un figlio maschio.

 

Don Fausto             Quando ti preme di sistemare i tuoi interessi vuoi bene anche al

                                    diavolo. Però Dio è troppo grande per badare a queste fesserìe e ti

                                    perdona ugualmente….. Almeno inginocchiatevi.

 

Angelo                      E non mi metto scalzo, spogliato e con la cenere in testa ?

 

Don Fausto             Sai come saresti bello ! Dopo ti appiccichiamo le ali dietro la schiena e

                                    ti facciamo fare l’angioletto….. In nome del Padre, del Figlio e dello

                                    Spirito Santo. Padre Celeste, benedici questa casa, questa famiglia,

                                    concedi loro la tua grazia, esaudisci le loro preghiere, anche se non lo

                                    meriterebbero, e così sia ! (Si avvia per uscire)

 

Filomena                  Aspetta Don Fausto. Le uova non le vuoi ?

 

Don Fausto             Con quelle uova fai una frittata per quel cammellone di tuo fratello e

                                    quel tacchino di tuo marito.

 

Angelo                      Don Fausto, ti sei offeso ?

 

Don Fausto             Per quello che mi avete detto ?… Tutto ciò che si pensa e si dice ha lo

                                    stesso valore di chi lo pensa e di chi lo dice. Quello che avete detto voi

                                    non ha nessun valore.

 

Filomena                  Cioè, noi non abbiamo nessun valore ?

 

Don Fausto             Questo lo hai detto tu Filomena. La pace sia con voi. (Don Fausto esce)

                                                           SCENA IV

Tommaso                Quello mi sta proprio sullo stomaco.

 

Angelo                      Non farti sentire Tommaso, quello ha le mani lunghe.

 

Tommaso                Tu come lo sai ?

 

Angelo                      Un giorno si trovava a passare vicino ad un bar e ad uno che ha voluto

                                    fare lo spiritoso dicendo : “ecco il bacarozzo, acciaccalo, acciaccalo”.

                                    Don Fausto gli diede uno schiaffone che quello starà ancora sentendo

                                    le campane.

 

Filomena                  Ha fatto bene ! Così avrà imparato a non dare fastidio a chi se ne sta

                                    per i fatti suoi.

Tommaso                Un prete, però, non può fare certe cose ?…

 

Filomena                  Questo lo dici tu. Ricorda che nostro Signore ha frustato a sangue i falsi

                                    sacerdoti nel Sinedrio…

 

Angelo                      Tu come fai sapere certe cose ?

 

Filomena                  Se tu venissi a messa con me invece di fermarti fuori della chiesa lo

                                    sapresti anche tu.

 

Tommaso                Perché certe cose le raccontano loro ?

 

Filomena                  No, caro Tommaso. Ha ragione Don Fausto quando ti chiama

                                    cammellone. Certe cose sono scritte sulle sacre scritture.

 

Angelo                      Adesso hai capito Tommaso ?… Quando lo vedi stai attento a ciò che

                                    dici… Ora però lasciaci soli perché devo dire una cosa a tua sorella e

                                    tu non puoi ascoltare.

 

Tommaso                Me ne devo andare ?… (Cenni di assenso di Angelo mentre Filomena fa

                                    capire di non sapere nulla. Tommaso si riempie il bicchiere, beve ed

                                    esce. Angelo riprende a passeggiare)

                                                           SCENA V

Filomena                  Che mi devi dire Angelo ?

 

Angelo                      Non è semplice Filomena…

 

Filomena                  Per questo hai voluto mandare le bambine dalla nonna, oltre a Tommaso

                                    neppure loro potevano ascoltare ?… Cosa è successo adesso ? Angelo

                                    tu mi fai paura… Cosa è successo ?… Cosa è successo ?

 

Angelo                      Niente Filomena, non è successo niente…  E’ una cosa difficile da

                                    dirsi e non so da dove incominciare. Io ti voglio bene, ma quello che

                                    devo dirti ti può fare un brutto effetto… Vi è pericolo…

 

Filomena                  Quale pericolo Angelo ?

 

Angelo                      Puoi accusare un disturbo e cadere in terra, ma se questo non accade,

                                    può succedere che tu mi spacchi la testa.

 

Filomena                  A te ?… Perché ?… Che riguarda questo fatto ?

 

Angelo                      Quello che ci ha detto la maga. L’operazione per il figlio maschio.

 

Filomena                  Come puoi farti l’operazione Angelo, chi ti dà i soldi per andare in Cina ?

 

Angelo                      Per questo ho parlato al compare Crispino.

 

Filomena                  Cosa c’entra, perché hai parlato al compare, che ha i quattrini ?

 

Angelo                      Filomena, il compare non ha i quattrini, però ha fatto quattro figli maschi.

 

Filomena                  Ha fatto quattro figli maschi per la sua famiglia, li ha fatti con sua

                                    moglie, mica li ha fatti per noi, mica….. Angelo, Angelo cosa hai

                                    chiesto al compare ?….. Angelo ho indovinato ?…..

 

Angelo                      Hai colpito proprio la punta Filomena….. (Disperazione di Filomena)

 

Filomena                  Ah ! Il diavolo è entrato in casa mia ! Cosa ti ho fatto, cosa ti ho fatto di

                                    male Angelo, perché vuoi farmi perdere l’onore ?…Angelo tu non mi vuoi

                                    bene più. (Filomena cade ai piedi di Angelo e piange)

 

Angelo                      No Filomena, io ti voglio sempre bene, ed è proprio per il bene che ti

                                    voglio che ti prego di accettare.

 

Filomena                  Se non me ne volevi mi chiedevi di aprire una casa di appuntamenti ?

 

Angelo                      Si Filomena…

 

Filomena                  Come ?…

 

Angelo                      No, cosa mi fai dire ?… Vedi Filomena, non capisci che quando saranno

                                    cresciute queste figlie non avremo la possibilità di dar loro da mangiare ?

                                    E vestirle e calzarle ? E cosa più importante, il giorno che si sposeranno

                                    faremo i pranzi con le cicèrchie ?

 

Filomena                  E’ una vergogna !… Mia madre, di lassù cosa penserà ? E a don Fausto

                                    chi avrà il coraggio di confessarlo ?

 

Angelo                      Che confessare e confessare !… Non lo capisci che è la salvezza

                                    nostra ?… (Filomena scuote la testa con disperazione)

 

Filomena                  No Angelo tu vuoi farmi morire…

 

Angelo                      Lo sapremmo solo noi tre. Io il compare e tu ?

 

Filomena                  No, no… Angelo no. (Filomena continua a scuotere la testa)

 

Angelo                      Fammi capire. Per caso il compare non ti piace ? (Filomena blocca il

                                    movimento della testa)

 

Filomena                  No, no… Il compare mi piace e come !…

 

Angelo                      Ah !… Ti piace ?… Allora qual’ è il problema ?

 

Filomena                  Se lo viene a sapere la comare ?

 

Angelo                      No Filomena no. La comare non dovrà saperlo né ora né mai. Non

                                    solo lei, non dovrà mai saperlo nessuno.

 

Filomena                  A don Fausto, però, lo devo confessare ?

 

Angelo                      Non sarai mica matta ?… Se trapelasse qualcosa resteremmo con un

                                    altro figlio e senza il becco di una lira.

Filomena                  E non mi dovrò confessare ?

 

Angelo                      No Filomena, per carità !

 

Filomena                  Allora farò peccato mortale, e rimarrò dannata per tutta l’eternità.

 

Angelo                      Noi lo diremo a Cristo.

 

Filomena                  Come, quando ?… Se non mi confesso come lo diremo a Cristo ?

 

Angelo                      Questa sera, quando diciamo il Rosario, diciamo una preghiera

                                    particolare e vedrai che Lui capirà e ci perdonerà.

 

Filomena                  Se invece, ci condanna all’inferno ?

 

Angelo                      Perché ?… E’ male fare qualche sacrificio per aiutare i figli ?

 

Filomena                  Perché tu dici che così noi aiuteremmo i figli ?

 

Angelo                      Non solo i figli, ma pure tuo fratello che non ha né arte né parte…..

 

Filomena                  Allora se tu dici che è una cosa che si deve fare per aiutare i figli, sono

                                    pronta… Non mi potrei rifiutare. Sarei una madre snaturata. Per loro

                                    qualunque sacrificio… Dico bene ?… E quando dovrei farlo ?

 

Angelo                      Quando viene il compare.

 

Filomena                  E quando viene il compare ?

 

Angelo                      Appena ha sbrigato le sue faccende.

 

Filomena                  E dove lo dobbiamo fare ?

 

Angelo                      Qui Filomena, dove se no ?… Dobbiamo fare le cose in segreto senza

                                    far scoprire niente a nessuno….. Il compare già lo sa, gliel’ho già

                                    accennato…. Ha detto che oggi verrà a farci una visita, e se vuoi…

 

Filomena                  Si, si, lo faccio subito !…… Altrimenti ci ripenso e non lo faccio più….

                                    Quando viene il compare ?

 

Angelo                      Stai calma Filomena, verrà.

 

Filomena                  Prima non sapevo, ma ora che so, questo fatto mi mette in subbùglio

                                    il sangue nelle vene. Ti pare facile mantenere la calma in certe

                                    circostanze ?……. E’ come se avessi un nido di vespe sullo stomaco…..

                                    Tu sei sicuro che il compare verrà ?

 

Angelo                      Filomena !?!?

 

Filomena                  Tu devi capire che ora che ho deciso di sacrificarmi e lui non dovesse

                                    più venire il nervosismo mi farebbe sussultare ad ogni piccolo rumore.

                                    (Bussano)……..  Dio mio !… Chi è ?…

Nina               (fs)      E’ permesso ?…

 

Filomena                  Io sto male….. (Si accascia su di una sedia)

 

Angelo                      Calmati Filomena stanno solo bussando.

 

Nina               (fs)      Sono io Filomena… Posso entrare ?

 

Filomena                  Chi sei ?

 

Nina               (fs)      Sono Nina, Filomena…

 

Filomena                  Vieni, vieni. (Entra Nina)

                                                           SCENA VI

Nina                           E’ qui Clorinda ?

 

Angelo                      No. Qui non si è vista.

 

Filomena                  Avevi appuntamento qui ?

 

Nina                           Doveva parlare di una faccenda a Tommaso. Neppure lui c’è ?

 

Angelo                      Neppure lui.

 

Filomena                  E’ uscito poco fa.

 

Nina                           Allora vado.. Se torna Tommaso digli che sono venuta. (Si avvia)

 

Angelo                      A Tommaso, non a Clorinda ? (Nina torna sui suoi passi)

 

Nina                           Se viene, ditelo anche a lei. (Si riavvia per uscire)

 

Angelo                      Va bene…… Nina ? (Nina torna ancora sui suoi passi)

 

Nina                           Si ?!…

 

Angelo                      Tuo fratello sta a casa ?

 

Nina                           Si. Quando sono uscita ancora era lì.

 

Angelo                      Gli dici se può venire un momento ? (Nina si riavvia)

 

Filomena                  Presto, però !… (Nina si volta stupita e rimane un attimo a scrutarla)

 

Nina                           Va bene, va bene. Glielo dico si. (Pensierosa esce)

                                                           SCENA VII

Angelo                      Calmati Filomena altrimenti rischi di mandare tutto all’aria.

 

Filomena                  Angelo, io non ce la faccio più. Cosa mi accadrà ?

 

Angelo                      Su via ! Non sarà la fine del mondo ?

 

Filomena                  Dici bene tu. Vorrei vedere te al posto mio……….. (Bussano)

                                    Mamma mia bella !… Cosa è stato Angelo ?

 

Angelo                      Filomena, stanno bussando di nuovo….. Chi è ?

 

Crispino       (fs)      Sono io compare….. (Filomena afferra una sedia e tenendola

                                    sollevata davanti come uno schermo corre intorno al tavolo)

 

Filomena                  E’ lui….. Vergine Santa aiutami tu !….. (Continua a correre)

 

Crispino       (fs)      Allora, compare. Posso entrare ?.. (Filomena come sopra)

 

Angelo                      Filomena, lo faccio entrare ?… (Filomena si blocca. Poggia la sedia in

                                    terra e si siede)

 

Filomena                  E cosa aspetti ?…

 

Angelo                      Vieni compare Crispino. Entra. (Entra Crispino. Imbarazzato rimane

                                    sulla porta. Attimi di disagio. Incertezza)

                                                           SCENA VIII

Crispino                   Allora ?… (Angelo si siede)

 

Filomena                  Offrigli la sedia Angelo. (Angelo afferra una sedia e la sta poggiando

                                    vicino il tavolo, lato porta di ingresso. Poi, dopo aver guardato Filomena,

                                    misura due passi divaricati dal tavolo verso Crispino e poggia la sedia)

 

Angelo                      Siediti compare. (Meravigliato e indeciso, Crispino si siede)…..

 

Crispino                   Eccomi compare, io sono venuto.

 

Angelo                      Ti vedo Crispino… Tu lo vedi Filomena ?….

 

Filomena                  Si… Lo vedo anch’io….

 

Angelo                      Hai sentito compare ? Noi ti vediamo.

 

Crispino                   Vi vedo anch’io…… Cosa dobbiamo fare ?…. Comare Filomena ?

 

Filomena                  Non lo so. Tu cosa dici Angelo ?

 

Angelo                      Cosa vuoi che dica Filomena ?

 

Crispino                   Dobbiamo fare quel fatto ? (Angelo rivolto a Filomena)

 

Angelo                      Che ne pensi Filomena ?

 

Filomena                  Tu che ne dici compare Crispino ?

 

Crispino                   Dobbiamo farlo ?

 

Filomena                  Secondo te compare Crispino ?

 

Crispino                   Dico, stiamo facendo un giuoco di parole ? Posso accostarmi ?

 

Angelo                      Può accostarsi Filomena ?

 

Filomena                  Per me !… Vieni. (Crispino senza staccare il sedere dalla sedia si

                                    accosta al tavolo)

 

Crispino                   Posso provare ? (Angelo allarmato)

 

Angelo                      Che cosa compare Crispino ?

 

Crispino                   Se quando la tocco sento la scossa. Quel non so ché, che schiocca

                                    dentro. Insomma se il fatto può uscire bene….. Posso provare ?

 

Filomena                  Può provare ? (Angelo poco convinto)

 

Angelo                      Può provare… (Crispino e Filomena si alzano. Fanno incerti tentativi per

                                    toccarsi le mani. Angelo allarmato osserva. I due infine si afferrano per le

                                    mani. In quel momento e senza bussare entra Clorinda

                                                                       SCENA IX

Clorinda                   Filomena che c’è Nina ? (Attimo di panico. Angelo inizia a battere le

                                    mani. Crispino e Filomena muovono alcuni goffi passi di danza) Filomena

                                    e Crispino, traballando, si accasciano sulle proprie sedie. Crispino per

                                    giustificare la situazione)

 

Crispino                   Questo compare, è il famoso minuetto che i signori ballano nei saloni.

 

Clorinda                   Cosa stavate facendo ?

 

Angelo                      Crispino stava insegnando un ballo a Filomena.

 

Clorinda                   Ah !… Nina è venuta ?

 

Filomena                  Si. E’ venuta e ti ha cercata. Voleva parlare anche con Tommaso…..

                                    Ti aspetta a casa sua.

 

Clorinda                   Allora vado.

 

Filomena                  Si è meglio, perché anche noi dobbiamo parlare di una faccenda.

 

Clorinda                   Voi tre ?

 

Angelo                      Io e mia moglie.

 

Clorinda                   Ed anche lui ?

 

Filomena                  Angelo, io e lui.

 

Crispino                   E tu non puoi ascoltare. Quindi sbrigati ad uscire.

 

Clorinda                   Me ne vado, me ne vado. Avete paura che lo racconti in giro ?

 

Angelo                      Non è per questo. La ragione è che in presenza tua il fatto non si può

                                    fare.

 

Filomena                  E’ un fatto a tre.

 

Crispino                   Veramente, comare, è un fatto a due.

 

Clorinda                   In quattro non si può fare ?

 

Angelo                      Si potrebbe anche fare, ma due da una parte e due da un’altra.

 

Clorinda                   Cos’è, il giuoco dei quattro cantoni ?

 

Filomena                  Una specie. Noi però, dobbiamo fare quello di un cantone solo.

 

Clorinda                   Come si fa ?… Lo insegnate anche a me ?

 

Filomena                  Non è necessario. Questo è un giuoco che viene da solo. Appena

                                    inizierai, saprai immediatamente dove mettere le mani.

 

Clorinda                   Sarà !… Ora vado a chiederlo a Nina, forse lei lo conoscerà.

 

Angelo                      Lo conosce senz’altro.

 

Clorinda                   Allora vado….. (Clorinda esce)

                                                                       SCENA X

Crispino                   Finalmente !…Non ce la facevo più. (Filomena al marito)

 

Filomena                  Allora andiamo ?

 

Angelo                      Andate….. Io resto di guardia……………. (I due vanno all’interno)

                                    Speriamo che il sacrificio valga la pena…

                                                                       SCENA XI

Leonardo     (fs)      Angelo… Angelo noi siamo pronti. Non vieni a cantare la

                                    serenata ? (Angelo si affaccia)

 

Angelo                      Cosa c’è Leonardo ?

 

Tommaso    (fs)      La serenata, Angelo… Nina se voi dormite…

 

Angelo                      Oh Dio !… La serenata. Devo cantare la serenata, e di là il fatto…..

                                    Si, vengo… Come faccio però, bisogna sorvegliare. Chi rimarrà di

                                    guardia ?….. (Dalla comune entrano Nina e Clorinda)

                                                                       SCENA XII

Nina                           Angelo, ancora non scendi ?

 

Clorinda                   E Filomena dove sta ?… Filomena !…

 

Angelo                      St’a scopà… Sta scopando la camera… Sta spicciando, Ora verrà.

 

Nina                           Sta di là ?… Ora vado a chiamarla… Filomena… (Va verso l’interno,

                                    ma Angelo le si para davanti)

Angelo                      No !… Nina fermati. Non puoi andare, puoi trovarla spogliata.

 

Nina                           Che ci sarebbe di male ?… Sono donna come lei, non posso vederla ?

                                    Tanto sta sola no ?

 

Angelo                      Si capisce che è sola, con chi dovrebbe stare ?

 

Clorinda                   Perché, allora, non può andare di là a chiamarla ?

 

Angelo                      Come non può andare a chiamarla ? Va, va se vuoi… (Nina si muove)

                                    Però è meglio se rimani qui perché io adesso scendo a cantare e puoi

                                    perderti la prima parte della serenata.

 

Clorinda                   Allora vado io a chiamarla.

 

Angelo                      Ecco si, vai tu……. (Clorinda si avvia, ma Angelo la blocca)

                                    No ! Fermati… E’ meglio che anche tu non ti muova così potrai

                                    ascoltare l’inizio della serenata… Filomena è un poco gelosa delle sue

                                    cose e se vi faccio entrare poi mi rimprovera… Scusami Nina, perché

                                    state qui, la serenata non doveva essere fatta sotto le tue finestre ?

 

Nina                           Crispino ha pensato che fosse meglio farla qui, sotto casa tua così

                                    può ascoltarla anche sua moglie Olga. Non ti dispiace se noi

                                    l’ascoltiamo qui, dalla tua finestra ?

 

Angelo                      Per carità !… Perché dovrebbe dispiacermi ?…………… (Tra sé)

                                    Non mi dispiace un accidente !….. Come faccio ? Quei due di là ed io

                                    devo cantare….. Sentite. Voi dovete promettermi che ve ne starete

                                    tranquille, qui alla finestra, senza disturbare Filomena. D’accordo ?…

                                    Tanto tra poco verrà anche lei….

 

Leonardo     (fs)      Angelo ti ci vuole tanto ? (Nina alla finestra)

 

Nina                           Sta venendo. (Angelo ancora indeciso)

 

Angelo                      Promettete di non andare di là ?… Io vado. Mi raccomando.

 

Clorinda                   Va bene si. Stai tranquillo… Nina spegni la luce e vieni a sedere qui.

                                    (Angelo esce, Nina spegne la luce e va a sedersi alla finestra).

                                                                       SCENA XIII

                                    (Viene eseguita la serenata. Al ritornello finale appare al centro

                                    Filomena che si accorge della presenza delle due ragazze)

                                                                       SCENA XIV

Filomena                  Fermo compare, non uscire. Ci sono Nina e Clorinda.

 

Crispino       (fs)      Devo rimanere qui dentro ?

 

Filomena                  Per forza ! Non vorrai farti vedere mentre esci dalla mia camera ?

 

Crispino       (fs)      E cosa faccio se mi cercano ?

 

Filomena                  Aspetta. Prendo una coperta. (Va all’interno e poi riappare con una

                                    coperta tesa in mano a mo’ di paravento)

                                                                       SCENA XV

Crispino       (fs)      Posso venire ?

 

Filomena                  Fa piano senza farti sentire. (Dal centro entra Crispino che si accuccia

                                    dietro la coperta. Poi i due muovono lentamente dei passi verso la

                                    porta di ingresso. Clorinda si volta)

                                                                       SCENA XVI

Clorinda                   Chi c’è ?… (Filomena copre meglio Crispino)

 

Filomena                  Sono io e tu chi sei ? Perché la luce è spenta ?

 

Clorinda                   Sono Clorinda e c’è anche Nina. Abbiamo spento la luce perché al

                                    buio la serenata si gusta meglio.. Se ti dispiace la riaccendiamo.

 

Nina                           Vado io che so dov’è l’interruttore. (Nina si muove per andare)

 

Filomena                  No, fermati ! Non importa. E’ meglio se restiamo al buio perché la

                                    serenata è più bella e poi non si vede niente.

 

Clorinda                   Che cosa si dovrebbe vedere Filomena ?

 

Nina                           E cos’hai davanti ?

 

Filomena                  Ho una coperta. Vado sulla scala a sgrullarla. Voi rimanete pure alla

                                    finestra. Io faccio presto, non si accorge di niente nessuno così a

                                    Crispino non dispiace.

 

Nina                           Perché dovrebbe dispiacere a Crispino ?…

 

Filomena                  E ciò che dico anch’io… Perché dovrebbe dispiacere a Crispino ?

 

Clorinda                   Lo hai detto tu… Non si accorge di niente nessuno e così a Crispino

                                    non dispiace.

 

Filomena                  Così ho detto ?… Che strano ! Chissà perché ho detto Crispino ?…                                              Io volevo dire Angelo… Ora vado a scuotere la coperta. Voi gustatevi la

                                    serenata. (Nina e Clorinda tornano ad interessarsi della serenata mentre

                                    i due arrivano sulla porta d’ingresso)

 

Crispino                   Comare Filomena sei stata un fenomeno. Se non ti veniva in mente la                                          coperta ora sarebbe tutto rovinato. (Filomena lo afferra per il bavero)

 

Filomena                  Compare Crispino, dobbiamo incontrarci ancora…. Per essere sicuri.

 

Crispino                   Quando, comare Filomena ?

 

Filomena                  Anche domani. Così finiamo presto. (Crispino tenta di abbracciarla)                                              Fermati Crispino, ci sono quelle due…

 

Crispino                   Va bene, comare Filomena. A domani. (Crispino esce. Termina la                                                 serenata. Filomena riaccende la luce)                                      

                                                           SCENA XVII

Nina                           Mi piacerebbe tanto sapere dove è andato quel cretino di mio fratello.                                          Prima dice di venire a fare la serenata sotto la finestra di Angelo così                                           avrebbe potuto ascoltarla anche sua moglie, e poi lui non si fa trovare.

 

Filomena                  Sicuramente ha avuto da fare.

 

Clorinda                   Qualcosa più importante della serenata a sua moglie ?

 

Filomena                  Si. Quello che ha fatto è stato, sicuramente, più importante che la                                                 serenata a sua moglie.

 

Nina                           Che cosa ha fatto Filomena ?

 

Filomena                  E vuoi saperlo da me ?

 

Clorinda                   Come ?… Prima hai detto che quello che ha fatto Crispino è stato,                                                sicuramente più importante che la serenata a sua moglie, ed ora ?…

 

Filomena                  L’ho detto io ?… No, io mica so quello che ha fatto Crispino. L’ho detto                                        perché se non è venuto ad ascoltare la serenata avrà fatto certamente                                         qualcosa di più importante. Come posso sapere io dove è andato ?

 

Nina                           Io non ti ho chiesto mica dove è andato ?

 

Clorinda                   No. Le hai chiesto che cosa ha fatto, però.

 

Nina                           Lo ha detto lei !… E poi, siccome che lei è una moglie potrebbe sapere

                                    perché un marito può trascurare una moglie in certe circostanze.

 

Filomena                  Si, questo te lo posso dire…. Più importante potrebbe essere una

                                    ripassata fuori mano.

 

Nina                           Può essere ?

 

Filomena                  Può essere si…

 

Nina                           E con chi potrebbe essere andato ?

 

Clorinda                   Solo con una svergognata.

 

Filomena                  Come ti permetti ?… Sei tu una svergognata, non io.

 

Nina                           Filomena !… Non lo sta dicendo mica a te ?

 

Filomena                  E lei ingiuria con tanta facilità senza sapere. Potrebbe anche non

                                    essere vero.

 

Clorinda                   Io non ho detto che è vero. Sei stata tu a dire che qualcosa di più

                                    importante poteva essere una ripassata fuori mano ?

 

Filomena                  Ho scherzato. Non si può più scherzare ?

Nina                           Però ti sei risentita quando Clorinda ha detto che poteva trattarsi solo

                                    di una svergognata ?

 

Filomena                  Ed allora ?… Siamo donne. Tra noi certe cose non si pensano e non

                                    si dicono.

 

Clorinda                   Per quale ragione ?

 

Filomena                  Perché ad ognuna di noi potrebbe capitare una sbandata.

                                    Specialmente per bisogno.

 

Nina                           Come per bisogno ?

 

Filomena                  Se i figli stessero soffrendo la fame per esempio.

 

Clorinda                   Per l’amore di Dio !…. Magari andrei a rubare, ma io non lo farei mai.

 

Nina                           Dici bene tu !… E se poi ti arrestassero e finissi in galera ?… Saresti

                                    ladra ed i figli morirebbero di fame ugualmente… Ha ragione Filomena…

                                    Lo farei anch’io se i miei figli morissero di fame.

 

Clorinda                   Ed allora tuo fratello ?…

 

Nina                           Se ha fatto un’azione del genere per aiutare una povera disgraziata ha

                                    fatto bene… Con una fava due piccioni.

 

Clorinda                   Come dici ?…

 

Nina                           Ci ha preso gusto ed ha fatto un’opera di bene.

 

Filomena                  Grazie Nina…Ti ringrazio con tutta l’anima. Se tu sapessi quanto è

                                    vero ciò che hai detto ! Oh Dio ! Il gusto non è stato poi così forte, io

                                    mi aspettavo qualcosa di più. Per l’opera di bene si saprà in seguito.

 

Clorinda                   Filomena, ma sei tu quella ?…..

 

Filomena                  Per carità !…

 

Clorinda                   Allora come fai a sapere che il piacere non è stato poi così forte ?

 

Filomena                  Io non l’ho provato. Cioè, volevo dire, che per l’esperienza che ho,

                                    poiché ho messo al mondo sette figlie, per concepirle, permetti che

                                    almeno per le prime volte, si provi anche del piacere ? Poi, stavo

                                    ringraziando Nina al posto di quella poveretta, e per le belle parole che

                                    ha detto. Anche, perché, anch’io con sette figlie potrei trovarmi in quelle

                                    condizioni.

 

Nina                           Filomena, tu, però, non ti trovi in quelle necessità ?

 

Filomena                  No, oh !…. Però non si potrebbe mai sapere.

 

Clorinda                   Dio non voglia !… Non dirlo neppure per scherzo.

Nina                           Non è importante dirlo, importante e non farlo.

 

Filomena                  Ecco, si. Importante è non farlo. (Entrano Tommaso, Leonardo e

                                    Angelo. Nina va incontro a Leonardo)

                                                                       SCENA XVIII

Nina                           Grazie della serenata Leonardo. Voglio darti il bacio che ti ho

                                    promesso. (Esegue. Clorinda va verso Tommaso)

 

Clorinda                   Anche a te un bacio Tommaso, lo hai proprio meritato. (Esegue)

 

Angelo                      E a chi ha cantato la serenata non spetta niente ?

 

Clorinda                   Come no ? Un bacio anche a te…. (Si avvia per eseguire)

 

Nina                           Io, invece, te ne dò due. (Si avvia anche lei per eseguire)

 

Filomena                  Un accidente !… Certe cose in casa mia non si fanno. (Le due ragazze

                                    si bloccano)

 

Angelo                      Filomena, che cosa dici ?

 

Filomena                  Perché Angelo ?

 

Angelo                      Ma come… Fin’ ora tu….. E loro no ?…

 

Filomena                  Angelo. La necessità è una cosa ed il piacere è un’altra. Io, poi, sono la

                                    padrona di casa e ciò che mi piace si fa e ciò che non mi piace non si fa.

 

Angelo                      E’ giusto !….. Hai ragione tu. Ci possono vedere dalla finestra e

                                    possono malignare. La casa di Angelo e Filomena è diventata come

                                    Sodoma e Gomorra…… Andate ragazzi che è meglio.

 

Leonardo                 Esagerati !… Che stavamo facendo ?

 

Tommaso                Che male sarebbe stato se queste due avessero dato un bacio a tuo

                                    marito ?

 

Filomena                  Niente di male quando un bacio si dà come tra padre e figlia. Poi,

                                    però, queste due gli sarebbero saltate addosso e sarebbe scoppiata la

                                    guerra… E con la luce accesa la gente avrebbe visto e buona sera !…

 

Nina                           Allora spengo la luce ? (Urlo di Filomena)

 

Filomena                  No !….. Ve ne andate a casa vostra perché si è fatto tardi. Voi non mi

                                    siete parenti e la gente potrebbe pensare che io vi regga il giuoco.

 

Leonardo                 Non facciamo niente di male.

 

Tommaso                Filomena, noi non abbiamo nessuna intenzione… Angelo ?…

 

Angelo                      Lo so, ragazzi, lo so. Però Filomena ha ragione…. Andate…

                                    Tommaso accompagnali. (Malinconicamente i ragazzi escono.

                                    Angelo arriva fino alla porta di ingresso. La chiude. Poi si volge

                                    a guardare Filomena che è rimasta dall’altro lato del tavolo)

 

Filomena                  Che c’è ?… Mi guardi ?… Ti sei pentito ?….. Non ti azzardare a

                                    pronunciare sillaba perché ti rompo la testa…. Lo hai voluto tu ed ora

                                    tutto ciò che cresce è roba tua… Io sono innocente. (Impettita va

                                    all’interno mentre Angelo resta immobile con lo sguardo fisso nel vuoto)

 

                                                           FINE DEL SECONDO ATTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                           TERZO          ATTO

                                                                       SCENA I

(La scena è la stessa del secondo atto. In scena Nina e Clorinda stanno apparecchiando per festeggiare la nascita dell’ottavo figlio, sicuramente maschio di Filomena ed Angelo)

 

Clorinda                   Pensassero, almeno,  ad avvertire Carlo, Umberto e Maurizio così

                                    possiamo fare qualche ballo…… Vorrei tanto imparare il minuetto.

 

Nina                           Che cos’è ?

 

 Clorinda                  E’ un ballo che ballano i signori.

 

Nina                           Tu che ne sai ?

 

Clorinda                   Personalmente niente…. Però tuo fratello lo stava insegnando a

                                    Filomena.

 

Nina                           Quando ?

 

Clorinda                   A Pasqua è giusto un anno…. Venni qui da Filomena a cercare te, però

                                    non ricordo per quale ragione, e trovai tuo fratello che ballava con

                                    Filomena ed Angelo che batteva le mani.

 

Nina                           Batteva le mani perché era contento ?

 

Clorinda                   No… Lui segnava il tempo. Poi, se fosse contento solo lui può saperlo.

 

Nina                           Mio fratello dove ha imparato a ballare il minuetto ?… E brutto fetentone !

                                    Perché a me non lo insegna ?…

 

Clorinda                   Filomena ha detto che verrà il giorno che lo balleremo anche noi.

 

Nina                           Senza sapere come si fa ?

 

Clorinda                   Filomena ha detto che non c’è bisogno che ce lo insegnino. Quello, ha

                                    detto, è un ballo che si sviluppa da solo. Appena ci capiterà l’occasione

                                    sapremo subito cosa fare e dove mettere le mani.

 

Nina                           E se una lo volesse ballare subito ? (Entra Tommaso)

                                                           SCENA II

Clorinda                   Non dovrebbero esserci problemi. Ciao Tommaso…  Appena viene tuo

                                    fratello gli chiediamo di farci ballare il minuetto.

 

Nina                           Tommaso, e Leonardo ?

 

Tommaso                E’ con tuo fratello. Tra poco verranno. Che dovrebbe farvi ballare

                                    Crispino ?

 

Nina                           Il minuetto.

 

Tommaso                Che cos’è ?

 

Clorinda                   E’ un ballo che ballano i signori.

 

Nina                           Come lo ballavano Clorinda ?

 

Clorinda                   Dunque. Da ciò che ho potuto vedere, Crispino e Filomena si tenevano

                                    per le mani e Angelo, battendole, regolava il tempo.

 

Nina                           Al tempo penso io. Voi ballate.

 

Clorinda                   Vieni Tommaso che le facciamo vedere.

 

Tommaso                Io non so ballare Clorinda.

 

Clorinda                   Ti insegno io. Dai ! (Clorinda e Tommaso muovono goffamente alcuni

                                    passi mentre Nina batte le mani. Entra Armida)

                                                           SCENA III

Armida                      E’ già nato ?

 

Nina                           No, ancora no. (Clorinda e Tommaso smettono di ballare)

 

Clorinda                   Ma tu che ostetrica sei, non tocca a te farlo venire al mondo ? O forse

                                    non ne sei capace ?

 

Armida                      Bada a quello che dici ! Secondo te io non sarei all’altezza della situazio-

                                    ne ? A questi signori ho già raccolto sette signorinelle che grazie a Dio e

                                    alla mia assistenza,non hanno avuto nessun problema per venire al

                                    mondo. E se  fossi stata pagata come avrei meritato potrei già essere in

                                    pensione…

 

Nina                           Non te la prendere Armida. Clorinda scherza.

 

Armida                      Non si può scherzare offendendo la dignità e la professionalità del

                                    prossimo

 

Clorinda                   Via Armida non avevo nessuna intenzione di offenderti.

 

Armida                      Allora attenta a quello che dici. Se non è nato, perché state ballando ?

 

Clorinda                   Stiamo imparando un ballo nuovo per ballarlo quando nasce.

 

Armida                      L’acqua e la biancheria è pronta ?

 

Nina                           Si, è tutto pronto. Portiamo tutto di là ?

 

Armida                      Prima fatemi mangiare qualche pasticcino. Ancora non ho fatto

                                    colazione. Poi vado di là a vedere come sta. Tommaso, versami da bere.

 

Tommaso                Cosa desideri ?

 

Armida                      Solo un goccio di rosolio. Devo essere lucida, altrimenti quando nasce

                                    potrei farlo venire fuori dalla parte dei piedi.

 

Clorinda                   Bella signora ! Cerca di darti una regolata altrimenti quando sarà la

                                    nostra volta, non ti chiederemo di assisterci. Vero Nina ?

 

Armida                      Quanto siete noiose !… Fatemi dare uno sguardo alla puerpera…..

                                    (Dall’interno appare Filomena. E’ incinta e fatica a camminare)

 

Nina                           Eccola !… Pare la morte in vacanza.

 

Filomena                  Vorrei vedere te nelle mie condizioni.

 

Armida                      Comare Filomena, come ti senti ?

 

Filomena                  Non lo so neanche io. Mi sento strana strana, ed ho prurito da per tutto.

 

Clorinda                   E tu grattati. Vuoi che lo faccia io per te ? (Inizia a grattarla)

 

Filomena                  Magari ! Ecco, qui dietro le spalle….. Oh ! che bello, che bello !….

                                    Un pochino più giù. E’ come se avessi la rogna..

 

Nina                           Non è che la tieni per davvero Filomena ? (Clorinda si scosta di scatto)

 

Filomena                  Ti venisse un accidente !… Da quando ho portato il tino dalla

                                    campagna mi faccio un bagno ogni quindici giorni.

 

Armida                      Allora sei pulita come una zampa di porco !

 

Filomena                  Come hai detto ?

 

Armida                      Ho detto che se tutte si lavassero come ti lavi tu, la nostra città

                                    profumerebbe come i gelsomini.

 

Filomena                  E’ vero. E’ proprio vero.

 

Nina                           Hai una faccia come un mattone.

 

Armida                      Ho detto qualcosa che non va ? (Filomena grida)

 

Filomena                  Mamma mia bella !… Aiutatemi….

 

Clorinda                   Ehi ! Non vorrai farlo nascere qui ?

 

Armida                      Fatti forza comare… Su, su… Andiamo di là nella camera.

 

Filomena                  Madonna mia santa !… E’ come se mi stessero squartando… (Le ragazze

                                    spaventate si stringono tra loro. Tommaso che intanto è tornato in scena

                                    con una bottiglia di liquore in mano resta allibito e per farsi coraggio

                                    ingoia un sorso di liquore della bottiglia)

 

Armida                      Via Filomena ! Stai esagerando. Peggio di una che non ha mai avuto

                                    figli… Da te che hai già messo al mondo sette figlie, non mi sarei mai

                                    aspettata una reazione simile. (Si avviano verso l’interno)

 

Filomena                  Dici bene tu ! A me pare sempre la prima volta per i dolori che sento.

                                    Mamma  mia bella !… Piano, piano comare Armida…. Se vengono le

                                    bambine non fatele entrare.

 

Armida                      Per l’amore di Dio !…

 

Nina                           No, no. State tranquille. (Filomena ed Armida vanno all’interno)

                                                           SCENA IV

Clorinda                   Quando nascono i figli si soffre a quella maniera ?

 

Nina                           E non lo hai visto Clorinda ? Io non credo che Filomena stesse

                                    scherzando.

 

Clorinda                   Se è così, allora io non mi sposo. Mi dispiace Tommaso, ma io non

                                    voglio soffrire così. (Dalla comune entra Angelo)

                                                           SCENA V

Angelo                      Ancora niente Tommaso ?

 

Tommaso                Pare di no.

 

Angelo                      La levatrice è venuta ?

 

Clorinda                   E’ andata di là con la puèrpera.

 

Angelo                      Non è andata da mia moglie ?

 

Nina                           Si che c’è andata.

 

Angelo                      C’è andata prima o dopo ?

 

Tommaso                Prima o dopo di quando ?

 

Angelo                      Di andare di là con la puèrpera ?

 

Nina                           E’ tua moglie.

 

Angelo                      Chi è mia moglie ?

 

Clorinda                   La puèrpera.

 

Angelo                      Come vi permettete ? Chi le ha affibbiato questo soprannome ?

 

Tommaso                Quale soprannome ?

 

Angelo                      Quello con il quale Clorinda ha chiamato mia moglie ?

 

Clorinda                   E come avrei chiamato tua moglie ?

 

Angelo                      Non sei stata tu a dire che la levatrice è andata di là con la puèrpera ?

 

Clorinda                   Si, sono stata io.

 

Angelo                      Allora ho ragione di lamentarmi del fatto che non voglio che a mia

                                    moglie le si appioppino soprannomi ?

 

Nina                           Guarda Angelo che stai sbagliando.

 

Angelo                      Un accidente ! Mia moglie ha un magnifico nome, Filomena. Un nome

                                    che a me piace moltissimo e puèrpera, se piace a voi, appiccicatelo

                                    pure a qualche vostra parente e non a mia moglie.

 

Clorinda                   Ascolta Angelo. Noi non avevamo alcuna intenzione di offendere

                                    nessuno.

 

Angelo                      Lo so, lo so. Io, però, così voglio e basta così.

 

Tommaso                Angelo, le donne che partoriscono si chiamano puèrpere e non è un

                                    soprannome.

 

Angelo                      Lo so, lo so. Non sono ignorante. Siccome, però, mia moglie si chiama

                                    Filomena, io sono più contento se la chiamate così.

 

Clorinda                   Noi non volevamo offendere nessuno.

 

Angelo                      Lo so, ma basta così. Io, così ho detto e così sia.

 

Nina                           Sia fatta la volontà di Dio !

 

Angelo                      La volontà di Dio ed anche la mia. (Rientra Armida)

                                                           SCENA VI

Tommaso                Quanto ci vuole ancora, Armida ?

 

Armida                      Ancora un poco. State tranquilli che va tutto bene. Volete farmi bere

                                    un goccio ?

 

Angelo                      Come no ?!… Riempite i bicchieri… (Entrano Crispino e Leonardo)

                                    Compare Crispino, Leonardo fatevi un bicchiere. (Sollevano i bicchieri)

                                                           SCENA VII

Crispino                   Alla salute del compare e della comare.

 

Leonardo                 Pure alla salute di quello o di quella che nasce.

 

Armida                      Speriamo che questa volta sia maschio. (Bevono)

 

Angelo                      Si, si. Questa volta è maschio. E’ vero Crispino ?

 

Crispino                   Speriamo di si, compare…. Io te lo auguro.

 

Armida                      Angelo, hai usato il seme buono ?

 

Angelo                      Si. Questa volta è sicuro, è un cetriolo. E’ vero compare Crispino ?

 

Crispino                   Se Dio lo vuole !

 

Angelo                      Non solo Dio, ma anche il seme che questa volta c’è…

 

Leonardo                 Sarebbe quasi ora dopo sette femmine, o no ?

 

Tommaso                Almeno incominciamo a fare un po’ di vita buona perché i sacrifici fatti,

                                    forse solo Crispino non li conosce.

 

Angelo                      No, no. Li conosce anche Crispino. Altro che se li conosce ! Qui l’unica

                                    a non saperne è la comare Armida.

 

Armida                      Non ne conosco l’entità, ma li immagino. Sette figlie non sono una

                                    bazzecola.

 

Angelo                      Non sono solo le sette figlie femmine, comare Armida, a pesare sulle

                                    nostre condizioni. Vi sono sacrifici che non si vedono, ma che lasciano

                                    il segno, qui, dentro di noi. Il compare Crispino ne sa qualcosa.

 

Crispino                   Ne sa qualcosa anche la comare Filomena. Ed io penso che questa

                                    giornata segnerà la storia della vostra famiglia.

 

Angelo                      Cosa vuoi dire con questo, compare Crispino ?

 

Crispino                   Volevo dire che se per caso nasce un figlio maschio…

 

Angelo                      Come per caso ?… Compare Crispino, deve essere maschio,

                                    altrimenti è meglio se ti cerchi un nascondiglio sicuro.

 

Armida                      Angelo, e lui cosa c’entra ?

 

Angelo                      E’ ?!?!… Niente,, niente. Sarà tutta colpa mia, ma c’entra anche lui.                                              Altroché se c’entra !…………… (Dall’interno, urlo di donna)

 

Armida                      Presto sta nascendo… Nina, Clorinda il catino con l’acqua…

 

Nina                           Presto Leonardo. Prendi il catino. (Nina segue Armida all’interno)

 

Clorinda                   Tommaso dai una mano a Leonardo. (Clorinda, Tommaso e Leonardo                                         vanno all’interno)                                                   

                                                           SCENA VIII

 

Angelo                      Compare Crispino, ora nasce nostro figlio.

 

Crispino                   Come nostro ? Il mio e di tua moglie.

 

Angelo                      Si compare, d’accordo. Siccome, però, nasce in casa mia, mio fratello                                          che non sa niente della faccenda, mi lascia un sacco di milioni.

 

Crispino                   Beato te !… Io, benché abbia quattro figli maschi, non ho nessuno che                                         mi dia una lira.

 

Angelo                      Però non hai sette figlie femmine.

 

Crispino                   No compare, non le ho. Ho quattro figli maschi e a mia moglie                                                        piacerebbe tanto avere una femminuccia. Però, come succede a te io                                          ho solo il seme per i cetrioli, allora…

 

Angelo                      Questo non sarebbe un problema. Crispino, basterebbe un poco di                                               buona volontà.

 

Crispino                   Caro compare Angelo. Volontà ?… Tutte le volte che sto con mia                                                   moglie metto volontà, passione tutti i sentimenti ed il massimo della                                              concentrazione, ma se è come succede a te, che io ho solo il seme                                              per i cetrioli, come posso far nascere un carciofo ?

 

Angelo                      Basterebbe cercare il seme.

 

Crispino                   E dove compare Angelo ?

 

Angelo                      Crispino, io ho tanto di quel seme da organizzare una sacra dei                                                     carciofi.

 

Crispino                   Lo so compare. Li hai tu….. (Crispino è preso da sospetto)

 

Angelo                      Come hai fatto tu con mia moglie, potrei fare io con la tua….                                                            Un piacere hai fatto tu a me, un piacere farei io a te.

 

Crispino                   A me starebbe anche bene. Non so, però, cosa ne pensa mia moglie.

 

Angelo                      Tu cerca di convincerla e poi mi fai sapere… Intanto… (Entra don Fausto)                                                SCENA IX

Don Fausto             E’ nato ?…

 

Angelo                      Sta nascendo. C’è la comare Armida di là. Siediti e serviti senza

                                    complimenti.

 

Don Fausto             Grazie, grazie. Solo un bicchierino ed un pasticcino…(Alza il bicchiere)                                         Alla salute e buona fortuna.

 

Angelo                      Grazie don Fausto. Alla salute.

 

Crispino                   Alla salute….. Che mi stavi dicendo compare ?

 

Angelo                      Quando compare Crispino ?

 

Crispino                   Quando è entrato don Fausto.

 

Angelo                      Ah !… Ti stavo dicendo di parlare alla comare Olga per la faccenda del                                        seme di carciofi al posto del seme di cetrioli. (Guarda don Fausto)

 

Don Fausto             Volete formare una cooperativa agricola ?

 

Crispino                   Non proprio una cooperativa…

 

Angelo                      Una specie… (Angelo spinge Crispino lontano dall’udito di don fausto)                                          Fammi sapere se tua moglie Olga accetta, così scambiato il piacere                                             stiamo pari, patta e pace….. Intanto……. (Osserva don Fausto)

 

Don Fausto             Non fare caso a me Angelo. Parlate pure più piano se volete. Io non                                            me la prendo. Dopo tutto sono cose vostre.

 

Angelo                      Stiamo prendendo accordi per un fatto che se va in porto porterà                                                   benefici anche a te.

 

Don Fausto             Davvero ?… Di che si tratta ?

 

Crispino                   No don Fausto, parlarne ora è prematuro. Deve prima nascere il                                                   bambino.

 

Don Fausto             Allora fate pure. Io mangio, bevo ed aspetto…..

 

Crispino                   Mi stavi dicendo compare ?

 

Angelo                      Stavo per dirti, che se non ti offendi, non per ripagarti il piacere che mi                                         hai fatto, mi devi permettere di farti un regalo. Almeno per riconoscenza.

 

Crispino                   E no, e no compare. Per carità !… Mi hai chiesto un piacere ed ora                                                vuoi rovinare il tutto ?

 

Angelo                      Non fare così Crispino. Te l’ho detto. Non è per ripagarti il piacere che mi                                    hai fatto. Siccome,però,cambierà la mia vita.(Don fausto tende l’orecchio)

 

Crispino                   No compare no. Alla fine, poi, cosa ho fatto ?

 

Angelo                      Cosa hai fatto ?… Hai messo il seme, il seme del piede buono. Io per                                           farlo sarei dovuto andare a fare l’operazione in Cina e con questi chiari                                        di luna, quando avrei potuto avere un figlio maschio ?

 

Don Fausto             Che cosa hai fatto con il seme che ti ha dato Crispino ?

 

Angelo                      Che ho fatto ? Che ho fatto ?… Eh !… Che ho fatto compare Crispino ?

 

Crispino                   Tu lo sai che cosa hai fatto. Che c’ero io con tua moglie ?

 

Angelo                      Ah ! No ?… E chi c’era allora ?…

 

Don Fausto             Lo vuoi sapere da Crispino ?

 

Angelo                      E meglio di lui chi lo sa ? (Facendo dei cenni ad Angelo)

 

Crispino                   Cosa stai dicendo compare Angelo ?…

 

Angelo                      Che meglio di te nessuno può sapere come è stato usato il seme di

                                    cetrioli.

 

Crispino                   Compare Angelo, quando hai fatto l’impiastro a tua moglie ero                                                        presente anch’io ? (Fa dei cenni di intesa ad Angelo che finalmente

                                    afferra)

 

Angelo                      Assolutamente no, compare Crispino, c’ero io solo con mia moglie.                                               Eravamo io e lei.

 

Don Fausto             Ed hai fatto l’impiastro a tua moglie di che cosa ?

 

Angelo                      Di semi di cetrioli.

 

Don Fausto             A quale scopo ?

 

Angelo                      Quello di farle procreare un figlio maschio.

 

Don Fausto             E dove le hai fatto l’impiastro ? (Angelo chiede lumi a Crispino)

 

Crispino                   Sulla pancia, dove se no ?

 

Angelo                      Ecco si… Sulla pancia.

 

Don Fausto             E con l’impiastro tua moglie procrea un figlio maschio ?

 

Crispino                   Per forza Don Fausto, c’era il seme di cetrioli.

 

Don Fausto             Voi siete proprio pazzi.

 

Angelo                      No don Fausto. Noi siamo sicuri di quello che abbiamo fatto. Perciò,                                             compare Crispino, io insisto. Non offenderti. Io voglio farti un regalo e                                           tu mi devi dire cosa ti piacerebbe avere.

 

Crispino                   E tu insisti compare !… Io ti ho fatto un piacere che poi, alla fin fine ha                                         fatto più piacere a me.

 

Angelo                      Si Crispino, io lo capisco, ma siccome il piacere me lo hai fatto, mi                                                devi dire cosa vorresti avere ?

 

Crispino                   No compare, non insistere…

 

Don Fausto             E su Crispino, fallo contento. Altrimenti Angelo finisce che ci rimane

                                    male.

 

Crispino                   E va bene. Compare Angelo, se proprio ci tieni. (Allunga una gamba e

                                    mostra un piede).

                                    Ecco….. Comprami un paio di scarpe del numero quaranta perché     queste che indosso sono di mio fratello e mi stanno rovinando i piedi…  (Un attimo di smarrimento, poi Angelo cade svenuto in terra, o su di    una poltrona)           

 

 

                                                           CALA LA TELA

 



Lascia un commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento.