Archivio Maggio 2014

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La “Missione Popolare”

CHE COS’É?

“E’ anzitutto l’azione dello Spirito “che sospinge la Chiesa a testimoniare al mondo il Crocifisso risorto, l’autore della vita (At 1,8; 3,11)”.
Possiamo dunque parlare di “Missione” come di un’attività pastorale specifica, a carattere eminentemente popolare, che rende i battezzati protagonisti nell’impegno di annunciare il vangelo al maggior numero possibile di persone che abitano nel territorio delle singole parrocchie.

QUALI OBIETTIVI PERSEGUE?

Risvegliare i praticanti e la comunità cristiana perché, vivendo ciò che credono, possano essere anche evangelizzatori.
Far incontrare i “lontani” con una comunità che sia memoria viva di Cristo.
“I lontani sono figli di Dio, per lo più battezzati e con tanta nostalgia di Lui e profondi presentimenti della sua presenza; sono spesso pellegrini alla ricerca di un approdo, da rispettare e accogliere, da ascoltare a lungo, se mai Dio ci voglia parlare anche dalle loro lontananze…” (Card. Martini).

CHI FA LA “MISSIONE?”

Tutta la comunità cristiana è investita del compito di annunciare il vangelo ad ogni persona.

IL PROGRAMMA

Comments Nessun commento »

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

CHIESA ”SS. SALVATORE - FESTA DELLA SS. TRINITA’2014

“Sia Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, all’unica e indivisa Trinità mistero ineffabile in cui tutto ha la sua origine e tutto il suo compimento”.

PROGRAMMA: INIZIO DEL TRIDUO

II Triduo sarà celebrato da Don Francesco Marotta, Cappellano Militare a Sabaudia (LT)-

MERCOLEDI’ 11 GIUGNO 2014
Ore 18,30 – Santo Rosario
Ore 19,00 – Santa Messa
GIOVEDI’ 12 GIUGNO 2014
Ore 18,30 – Santo Rosario
Ore 19,00 – Santa Messa
VENERDI’ 13 GIUGNO 2014
Ore 18,30 – Santo Rosario
Ore 19,00 – Santa Messa

PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DELLA SS. TRINITA’ DI VALLEPIETRA

SABATO 14 GIUGNO 2014

Ore 06,00 – Raduno dei pellegrini
Ore 06,30 – Benedizione del Pellegrino
Ore 07,00 – Processione con il QUADRO DELLA SS. TRINITA’ Per le seguenti vie:
Via Roma, Via S. Annunziata, Piazza Municipio, Corso A. Garibaldi, Via Porta Romana, Via Anxur, Via Delibera, Piazzale Santuario Madonna della Delibera.
Ore 08,00 – dal Piazzale DEL Santuario della Madonna della Delibera partenza dei pellegrini per il Santuario SS. Trinità di Vallepietra (Roma).

DOMENICA 15 GIUGNO 2014
Ore 16,30 – Arrivo dei Pellegrini in Piazza Santuario della Madonna della Delibera.
Ore 17,00 – Nel Santuario della Madonna della Delibera: Santo Rosario e Preghiera di ringraziamento
Ore 17,30- PROCESSIONE CON IL QUADRO DELLA SS. TRINITA’
Per le seguenti vie: ·
Piazzale Santuario Madonna della Delibera, Via Delibera, Via Anxur, Via Porta Romana, Corso A. Garibaldi, Piazza Municipio,-Via S. Annunziata, Via Foro Emiliano, Via Roma, Via del Quartiere, Via Traiano, Lungomare Matteotti, Via Cavour, Via Roma, Chiesa SS. Salvatore.
Ore 18,30 – Santo Rosario
Ore 19,00 – Santa Messa con tutti i pellegrini presenti.

E’ rivolto a tutti l’invito di addobbare i balconi lungo il percorso.
E’ gradita la partecipazione per chi vuole portare il quadro della SS. Trinità. (lnfo 3284417928).

Presterà servizio il: CORPO BANDISTICO CITTA’ DI TERRACINA

A LODE E GLORIA DI DIO TRINITA’

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“sei di Terracina se…”, gli eventi di giugno.

Nata quasi per gioco, la pagina “sei di Terracina se…” continua a ricevere consensi a suon di centinaia di “like”; sono oltre 3.500, infatti, gli utenti di facebook che in tre mesi hanno espresso il loro “mi piace” alla pagina.
Sin dal primo raduno, che si è tenuto in piazza Municipio, si è capito che l’amministratore vede la pagina non come un mero luogo virtuale ove parlare di Terracina e terracinesità ma anche, e soprattutto, uno strumento di socializzazione che sempre più dallo schermo di un computer si sposta in una strada, in una piazza, in un teatro. Insomma, dal virtuale al reale.
Proprio in questa ottica la pagina sta organizzando eventi gratuiti per la cittadinanza riscuotendo grande consenso dal popolo stesso nonché da media ed istituzioni.

Per il mese di giugno ben tre eventi in calendario:

Si parte l’8 di giugno con una scampagnata sulla fonte di Santo Stefano, cui si giunge attraverso un sentiero che prende il via dalla cava di Salissano. Nell’occasione ci saranno guide esperte del trekking locale che condurranno in sicurezza i partecipanti.

Il 14 giugno, invece, sarà la volta di un workshop fotografico nei vicoli del centro storico (evento a numero limitato per comprensibili motivi logistici e didattici). I partecipanti saranno accompagnati da un vero Maestro della fotografia, Roberto Panucci (http://www.robertopanucci.it/).

Il 21 giugno sarà dedicato alla canzone popolare terracinese. L’apprezzatissimo coro locale Myricae terrà, esclusivamente per la pagina, un programma di canzoni della cultura popolare terracinese, da non perdere. Nell’occasione lo scrittore Massimo Lerose ci svelerà segreti e misteri che si celano dietro la Cattedrale di Terracina, dai quali ha preso spunto per il suo ultimo lavoro letterario.

Info su https://www.facebook.com/pages/Sei-di-Terracina-se/243279955849095?ref=bookmarks 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Nota del TerracinaBlog, di seguito i video di due recenti eventi che hanno riscosso molto successo)

Video importato

YouTube Video

 

Video importato

YouTube Video

Iscrivetevi al canale youtube TERRACINA CULTURA per essere informati sulla uscita di

nuovi video sulla nostra terracina.

basta andare su questo link: http://www.youtube.com/user/TerracinaCultura

e cliccare il tasto di iscrizione in alto a destra

Comments Nessun commento »

Comments Nessun commento »

Comments Nessun commento »

GIOVEDÍ 29 MAGGIO    ORE 21.00 FIACCOLATA  MARIANA

Organizzata dalla parrocchia. Partenza alle ore 21.00 presso la Pineta in Via C. Colombo

per proseguire, RECITANDO il SANTO ROSARIOverso l’immagine della Madonna del

Carmine al Molo

si comunica inoltre che VENERDÍ  30  MAGGIO

alle Ore 18.30 vi sarà la chiusura del mese mariano al Santuario della Delibera.

 

 

Comments Nessun commento »

“Lisboa Antigua è nata per caso. Dalla costola di un breve racconto fantastico scritto tanti tanti anni fa. E lasciato dormire in un cassetto in attesa di una ripulitura. … uscendo non sapevo dove mi avrebbe portato il caso. Certo,  dopo il sogno vengono i fatti: quelli della vita. E vengono le cose: quelle del mondo. … Al di là dei fatti e delle cose cosa resta dunque? Il Desiderio. Con le sue Spinte possenti e i suoi orrendi Vuoti. …” Così Vincenzo Loriga introduce il suo libro Lisboa Antigua (I Quaderni del Battello Ebbro edizioni) che verrà presentato venerdì  30 Maggio alle ore 17,00 presso la Biblioteca Comunale “A. Olivetti”. L’opera e il relativo autore saranno introdotti da Giacomo Martini (Editore) e Carlo Laurenti (Sinologo).

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo staff del TerracinaBlog, per questa estate, ha preso in considerazione

di non inserire solo gli eventi che si svolgeranno a Terracina (sigh!) ma anche

quelli nelle immediate vicinanze per cui oggi vi proponiamo quelli che 

avranno luogo a Borgo Vodice (14,9 km. da Terracina)

Buon divertimento dallo staff del TerracinaBlog.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La fragola “Favette” di Terracina, storia e Tradizione

Alla fine degli anni ’50, un’azienda Francese che produceva sementi, propose agli agricoltori della pianura Pontina di impiantare una nuova varietà di fragola: la Favette. Intenzione dell’azienda era diffondere la cultivar in tutto il mondo, ma qualcosa non ha funzionato.

Questo frutto dolcissimo riesce a trovare terreno favorevole solo nella pianura Pontina, in un’estensione di poco più di 100 ha, pertanto, l’azienda decise di non rinnovare il brevetto. Da allora, nella zona, la conservazione del seme avviene per opera degli stessi agricoltori che mandano a fioritura le piantine.

Caratteristiche

Il prodotto deriva esclusivamente dall’impiego di una varietà di origine francese, “Favette”, introdotta nel territorio in esame circa 50 anni fa e ancora oggi presente, grazie alle favorevoli condizioni ambientali che le hanno consentito di attecchire esclusivamente in questa zona.

Questo prodotto è coltivato a livello mondiale solo nell’Agro Pontino.

La Fragola Favette di Terracina presenta una forma tonda-circolare, colore rosso intenso, un sapore molto più dolce ed un profumo più intenso rispetto alle altre varietà.

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovedì 29 Maggio

Latina

Banksy Pub
via Veio
ore 22.00

Concerto della Negrita Cover Band
Notte Mediterranea

info:
3387618869

Teatro Cafaro, ore 19.30 

Spettacolo teatrale
“Batte… Botte” 
con i ragazzi dell’Ist. Agrario “San Benedetto” di Latina

info:
ingresso libero

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Agriturismo Campo del Fico
via Apriliana,4
ore 20.00

Manifestazione astronomica 
e conferenza
“Galassie e Dintorni”

info:
Domenico D’Amato
3398437009

Venerdì 30 Maggio

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

Venerdì Magico!
Singles e non solo
musica a 360 in uno dei più belli ristoranti pizzeria di latina…menu cena o menu pizza da 10 – 12 – 15 euro – dopo cena con consumazione obbligatoria euro 5
(compresi cocktail veramente speciali)

info:
3886549149

Aprilia

Varie località
dalle ore 9.30

70° Anniversario della Battaglia di Aprilia

vai al programma dettagliato

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Fondi

Beltempo Casa delle Arti
C.so Appio Claudio 80
ore 21.30

Fabrizio Ganugi e Francesco Gori
dei Fantasia Pura Italiana in versione
Teatro Nella Canzone

info:
3397034755

Sabato 31 Maggio

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Spiaggia libera, adiacente Hotel Tirreno, dalle ore 11 alle ore 19

Aspettando
Sport Estate 2014

info:

ingresso libero

Ist. “A. Manzoni”
via Magenta
ore 21.00

We ar[e]t3
arte in movimento

ingresso
euro 6,00
info:
3349906274
scarica la locandina

Circolo Hemingway
P.zza A. Moro 36
ore 22.30

Concerto delle band
Sonic Jesus
+
Hola la Poyana

info:
3933364694

Aprilia

Varie località
dalle ore 10.00

70° Anniversario della Battaglia di Aprilia

vai al programma dettagliato

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

 Domenica 1 Giugno

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Spiaggia libera,

adiacente Hotel Tirreno, dalle ore 10 alle ore 19

Aspettando
Sport Estate 2014

info:
ingresso libero

Parco Oasi Verde
(quartiere ex Q4)
dalle ore17.00

Scodinzolando in passerella
Sfilata Canina Amatoriale
Evento a beneficio del canile di Latina gestito dall’Associazione “Amici del cane”.
Si potrà partecipare portando cibo, vecchie coperte o offerta libera dal cui ricavato si comprerà altro cibo per il canile

partecipazione libera

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

DOMENIKARAOKE
Singles e non solo!
si canta tutta la sera e ogni tanto… un ballo… Nello stesso tempo allarghi le tue amicizie..aperitivo con stuzzichini – spazio relax in giardino

info:
3886549149

Sottoscala9
via Isonzo 194
ore 22.00

Concerto delle band
Orion’s Right Proportion
+
Mondo Topless

info:
3397145977

Aprilia

Varie località
dalle ore 8.00

70° Anniversario della Battaglia di Aprilia

vai al programma dettagliato

Terracina

Area Mercato Settimanale
V.le Europa
ore 22.00

Concerto della band
Legittimo Brigantaggio

partecipazione libera

Lunedì 2 Giugno

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Martedì 3 Giugno

Latina

I Gufi,
via Isonzo,
C.C. l’Orologio

Master of Food dedicato alla Birra
organizzato da Slow Food Latina
e l’associazione culturale “Universo Pontino”

info e prenotazioni:
3272911128
3271274382
3297320608

Giovedì 5 Giugno

Cisterna di Latina

Sala Convegni
Parco Naturale di Pantanello
via Prov.le Ninfina 66
ore 17.30

Un Libro nella Natura
presentazione del volume
Cisterna e i Caetani. Arte e committenza tra ‘500 e ‘700
di Marta Pennacchi, Storica dell’arte
L’Associazione Strada del Vino, dell’Olio e dei Sapori della Provincia di Latina offrirà una degustazione dei migliori prodotti pontini

partecipazione libera
vai al programma completo

Venerdì 6 Giugno

Latina

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

Venerdì Magico!
Singles e non solo
musica a 360 in uno dei più belli ristoranti pizzeria di latina…menu cena o menu pizza da 10 – 12 – 15 euro – dopo cena con consumazione obbligatoria euro 5
(compresi cocktail veramente speciali)

info:
3886549149

Irish Pub Doolin
via Adua
ore 21.30

Bolivia – Cile – Isola Di Pasqua
Reportage di viaggio presentato da Monica Santosuosso

info:
0773662545

Sabato 7 Giugno

Latina

Centro Eventi, via Lungo Sisto, B.go Vodice, dalle ore 19.00

C.S.R.P. Vodice
organizza
11° Sagra della Bufala con polenta

ingresso libero
vai al dettaglio

Domenica 8 Giugno

Latina

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

DOMENIKARAOKE
Singles e non solo!
si canta tutta la sera e ogni tanto… un ballo… Nello stesso tempo allarghi le tue amicizie..aperitivo con stuzzichini – spazio relax in giardino

info:
3886549149

Centro Eventi, via Lungo Sisto, B.go Vodice, dalle ore 19.00

C.S.R.P. Vodice
organizza
11° Sagra della Bufala con polenta

ingresso libero
vai al dettaglio

Cisterna di Latina

P.zza XIX Marzo
dalle ore 8.00

1° Memorial Gabriele Baldassarre
1° Raduno Nazionale Vespa Club Cisterna di Latina 

Apertura iscrizioni, colazione e consegna gadget.
08.30-11:00: Possibilità di visita gratuita delle grotte di Palazzo Caetani.
10.30-11.30: Esibizione del Vespa Freestyler Nicola “L’Impennatore”.
11.45: Partenza giro turistico in Vespa.
13.00: Pranzo presso il ristorante “Il Ritrovo” a B.go Carso-Latina.
A seguire: Estrazione lotteria interna, premiazioni varie ai partecipanti e saluti finali.

info:
3388762103

19 [14]

Comments Nessun commento »

Lo scorso anno abbiamo ripreso la sfilata dei fedeli Sikh per le vie di Terracina.

Questa mattina invece ci siamo concentrati sulle prime fasi di questo interessante

raduno religioso avvenuto nei pressi del mercato Arene. Ecco il nostro video:

Video importato

YouTube Video

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il TerracinaBlog vi ricorda oggi l’anniversario della liberazione di Terracina avvenuta esattamente 70 anni fa.

Ricordo anche che il TerracinaBlog, la scorsa estate, ha proposto anche una mostra autofinanziata grazie all’unico sponsor (il Sig. Andrea Longo che ringrazio) in occasione dei 70 anni dal primo bombardamento della città.

Mostra che ha riscosso grandissimo successo tra i concittadini e, in maniera sorprendente, tra i turisti stranieri che la scorsa estate hanno visitato la nostra città come da testimonianza del registro dei visitatori in cui si sono dilungati in lusinghieri apprezzamenti nelle più svariate lingue.

Vi propongo ora una delle tante cronache che ho tradotto personalmente e che raccontano della liberazione di Terracina.

Buon WeekEnd da Paolo Alberto Giannetti, WeBMaSTeR del TerracinaBlog.com

Ho tradotto per voi la storia della presa di Terracina
da parte delle forze alleate nel 1944, il brano che
segue è tratto da un racconto di un soldato americano 
della 85a Divisione ”Custer” che nel Maggio 1944 partecipò
alla liberazione di Terracina.

La battaglia per Terracina divenne una battaglia per il 
cimitero nella periferia della città. Questo cimitero era
posto su di un altura e l’approccio a questo luogo era
su rocce e tratti scoscesi. Una leggera pioggia ha reso
il percorso scivoloso e questo ha ostacolato i tanks,
ma un eccellente sostegno alla fanteria è stato reso da
diversi battaglioni di semoventi da 105mm* appartenenti al
6° Gruppo di Artiglieria da campo (6th Field Artillery Group).
Nel cimitero il nemico si è nascosto tra le tombe. 
Mitragliatrici, mortai e cecchini hanno utilizzato i 
monumenti come copertura.
La battaglia infuriò per l’intera giornata, ma poco prima
dell’oscurità l’ultima resistenza del nemico venne superata
e dalla mezzanotte il 2° e 3° Battaglione avevano preso
posizione sino ai confini della città.

Nel frattempo il 1 ° Battaglione si era riorganizzato e 
si spostò sulla destra, a nord ovest di Terracina.
Durante tutta la notte la nostra artiglieria sparò
sulla strada che conduce verso il nord, il risultato di cio’
fù che la bellissima città fù ridotta in rovine.
Dopo l’alba i battaglioni si spostarono facilmente in città.
Il collo di bottiglia, Terracina, era stato catturato e la 
strada verso la zona dello sbarco di Anzio era stata aperta.
Per sostenere i combattimenti nei pressi di Terracina 
al 338° Reggimento era stato ordinato il 22 di spostarsi
e prendere le montagne sulla destra del 337° al fine di
aggirare quella città.
All’inizio dell’avanzata avvenne un breve incontro 
(contro il nemico) 5 miglia a sud, lungo un tunnel ferroviario.
(nota: il  tunnel passa dietro Terracina, quello che attraversate per andare a Roma quando partite da Monte San Biagio, per capirci)

I tedeschi usarono questo tunnel come un percorso protetto
per gli approvvigionamenti e l’evacuazione ed attraverso di 
esso fecero giungere alcuni rinforzi.

Uscendo dal tunnel e posizionandosi queste truppe
restarono sorprese dalla avanzata delle nostre forze.
Dopo che le nostre unità di supporto aereo avevano
bloccato il lato nord del tunnel con un bombardamento le
unità anticarro e truppe di ricognizione armate spararono
direttamente nella bocca del tunnel.
Storie di ciò che accadde qui si sono diffuse ovunque 
e si sono moltiplicati nei racconti.
Il punto essenziale è che il tunnel non fu’ più di 
alcun utilità per i Tedeschi.
Dopo questo primo scontro il 3° Battaglione di Fanteria
e la 338a, rafforzata da elementi del battaglione 
776a Tank Destroyer, rimasero di guardia nei pressi del
tunnel per essere certi che nessuno dei nemici sfuggisse. 
Altri elementi del reggimento andarono a conquistare 
Monte Leano e Monte Nero con poca difficoltà.
Il nemico era ora in ritirata da Terracina, lungo la
strada ai bordi delle Paludi Pontine che aveva allagato,
e al di là di Sonnino si ritirarono a nord-ovest 
attraversando il fiume Amaseno.

La caccia continua.

 

 

 

Ps. vi traduco l’articolo del 1944 di cui sopra:


I nazisti morti si combinano armoniosamente con le antiche ossa.

La macabra lotta per il cimitero vinta dagli yankees

Di Sid Feder
(cronista della Associated Press)

CON GLI AMERICANI DELLA QUINTA ARMATA A TERRACINA:

24 Maggio 1944, Gli uomini della fanteria degli Stati Uniti
hanno annientato le difese tedesche tra le tombe e le cripte
della collina del cimitero alle porte di Terracina nonostante
il fuoco di mitragliatrici e mortai pesanti e hanno catturato
oggi questa citta costiera. La vittoria è arrivata dopo tre giorni di battaglia.
“Si sono nascosti in ogni buco intenzionati ad usare la  baionetta per
per tenere il cimitero. Questo è quello che hanno fatto”.
E questo il modo con il quale il capitano Jim Miller del “Colonial
Beach” ha descritto il sanguinoso combattimento.
Il rastrellamento degli ultimi pochi cecchini in questa città,
a 20 miglia da Anzio, è stato completato con solo una mezza dozzina
di colpi. Non vi è stata praticamente alcuna battaglia nella città dopo

la lotta che ha mandato in frantumi le tompe e aperto
vecchie sepolture dentro le mura del cimitero.
Sono state sparate un paio di pallottole su una casa in cui,
si supponeva, si nascondessero dei Tedeschi e sono spuntati fuori
sette nemici con le mani in alto.
L’aspetto del cimitero, con mortai nascosti nelle tombe, nidi di
mitragliatrici dietro i mausolei e anche una stazione di trasmissione
pienamente equipaggiata nascosta nella cappella del cimitero dimostrano
il disperato tentativo dei Tedeschi di tenere questa cittadina ai

margini delle paludi pontine.
Proprio dentro il cancello frontale una iscrizione in Latino

recita: “Pace in questo posto”.
I Tedeschi avevano allestito tre trincee che controllavano le
spiagge sotto la collina. L’intera citta era minata e recintata
con filo spinato.

 

 

 

Comments Nessun commento »

Sabato 24 Maggio

Latina

Museo Piana delle Orme
via Migliara 43,5
dalle ore 10.00

Giornate del Volo
mostra di aerei ed elicotteri – attrezzature – dimostrazioni – voli promozionali – mercatino – esibizioni – stage

info:
0773258708
vai al dettaglio

Teatro moderno
via sisto V
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Intrappolati Nella Commedia
di Claudio “Greg” Gregori
regia di Silvia Capo e Maurizio Mostacci
in scena la Compagnia Riccioli di Compensato

info:
0773471928
3469773339

Libreria
“Piermario & Co.”
via Armellini 26
ore 21.00

Apericena con la blues band
Road To Wonder

info:
0773488145

Bacyard Club
via Adua 44
ore 22.30

Concerto della rock band
The Stingray Band

info:
07731717109

Teatro Ponchielli,
v. Ponchielli

ore 21.15

Spettacolo dal titolo
Imprò Latina – Padova

info e prevendita:
3286850233

Domenica 25 Maggio

Latina

Museo Piana delle Orme
via Migliara 43,5
dalle ore 10.00

Giornate del Volo
mostra di aerei ed elicotteri – attrezzature – dimostrazioni – voli promozionali – mercatino – esibizioni – stage

info:
0773258708
vai al dettaglio

Teatro moderno
via sisto V
ore 17.30

Spettacolo dal titolo
Intrappolati Nella Commedia
di Claudio “Greg” Gregori
regia di Silvia Capo e Maurizio Mostacci
in scena la Compagnia Riccioli di Compensato

info:
0773471928
3469773339

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

DOMENIKARAOKE
Singles e non solo!
si canta tutta la sera e ogni tanto… un ballo… Nello stesso tempo allarghi le tue amicizie..aperitivo con stuzzichini – spazio relax in giardino

info:
3886549149

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Concerto della band
Encantos

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Lunedì 26 Maggio

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Martedì 27 Maggio

Latina

Circolo Cittadino
ore 16.30

Forum
LA MARINA DI LATINA

un territorio complesso tra risorse, contraddizioni e vulnerabilità

ingresso libero

Teatro
“A. Cafaro”
ore 18.00

Concerto
Orchestra e Coro dell’ I.C.”G.Giuliano”
sezione indirizzo musicale
Direttore: M° Walter Fantozzi

ingresso libero

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Mercoledì 28 Maggio

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Giovedì 29 Maggio

Latina

Banksy Pub
via Veio
ore 22.00

Concerto della Negrita Cover Band
Notte Mediterranea

info:
3387618869

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Agriturismo Campo del Fico
via Apriliana,4
ore 20.00

Manifestazione astronomica 
e conferenza
“Galassie e Dintorni”

info:
Domenico D’Amato
3398437009

Venerdì 30 Maggio

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

Venerdì Magico!
Singles e non solo
musica a 360 in uno dei più belli ristoranti pizzeria di latina…menu cena o menu pizza da 10 – 12 – 15 euro – dopo cena con consumazione obbligatoria euro 5
(compresi cocktail veramente speciali)

info:
3886549149

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

Sabato 31 Maggio

Latina

Expo Latina
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400

Motor Expo
salone dell’auto che vedrà la presenza delle concessionarie top brand del mercato. Nelle aree esterne gli spazi dinamici con raduni, esibizioni di motocross e 4×4, prove su strada

info:
07731763277
vai al sito

Ist. “A. Manzoni”
via Magenta
ore 21.00

We ar[e]t3
arte in movimento

ingresso
euro 6,00
info:
3349906274
scarica la locandina

Aprilia

Teatro Spazio 47
S.S. Pontina km. 47, 015
ore 21.00

Spettacolo dal titolo
Cenere alla Cenere
regia Giacomo Galantucci

ingresso euro 10,00
info:
3396072426

 

 

 

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Comitato “Terracina nell’UNESCO” comunica che, a causa di un imprevisto, la visita culturale di domenica 25 maggio presso l’area archeologica della Villa Salvini è stata rimandata ad altra occasione.

In sostituzione, la nostra Associazione ha organizzato per lo stesso giorno una visita culturale al Santuario della Delibera, in occasione dell’iniziativa nazionale dell’Archeoclub d’Italia denominata “Giornata delle Chiese Aperte”.

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Consorzio Terracina d’amare promuove la città, 26 Buyers internazionali in visita a Terracina presso le strutture consorziate

Si è conclusa domenica 18 maggio, con una visita di 26 buyers internazionali alla città ed alle strutture alberghiere consorziate, una delle operazioni che il Consorzio Terracina d’amare ha avviato e sta portando avanti all’interno di un fitto e articolato programma di attività di valorizzazione e promozione del turismo della città.

Un primo incontro con gli operatori turistici è avvenuto durante il workshop in occasione di InCountry, 1^ Meeting Internazionale del Turismo Rurale, dell’Agriturismo e dell’Agroalimentare nel Lazio, a cui il Consorzio ha partecipato attivamente.

L’operazione, svolta con l’obiettivo di favorire l’inserimento del nostro territorio nei circuiti nazionali ed internazionali, ha rappresentato, inoltre, un’importante opportunità per l’avvio di relazioni con altri protagonisti della filiera turistica regionale, con i quali è possibile sviluppare sinergie per un’offerta turistica sempre più completa e diversificata.

“Al di là dei risultati che potranno arrivare da queste prime iniziative, è importante – ci tiene a precisare il Presidente del Consorzio Andrea D’Onofrio – che gli operatori stiano già dimostrando di fatto una grande volontà di progettare e costruire un piano di sviluppo turistico condiviso, che sia capace di valorizzare e promuovere tutti gli operatori e le risorse di cui la città può disporre”.

Continua D’Onofrio: “Così come avevamo promesso durante la nostra assemblea svoltasi a Marzo 2014, il Consorzio ha avviato la fase operativa della sua attività. Stiamo iniziando a raccogliere i frutti di un lavoro di progettazione intrapreso, nell’ultimo anno, dal nostro gruppo dirigente, gruppo costituito da tutti quei Consorziati che possono e vogliono apportare il proprio bagaglio di esperienze ed idee.

Operazioni come questa appena svolta, dimostrano che è possibile e fondamentale fare rete, non solo in linea teorica. Riunire in un Consorzio e rappresentare piccole e grandi strutture, anche di settori differenti, ci permette di offrire l’immagine di una città organizzata per il turismo, che sta iniziando seriamente a “fare sistema”, che è capace di proporre un’offerta completa e che sa rappresentare e valorizzare tutte le risorse di cui il territorio può disporre: imprenditoriali, storiche, culturali e paesaggistiche. 

La strada da percorrere è ancora lunga ma siamo convinti di aver intrapreso la giusta direzione e l’interesse di altri imprenditori che si stanno unendo al nostro Consorzio ne è un’ulteriore prova”.

Il Consorzio Terracina d’amare ha annunciato altre importanti iniziative per la stagione in corso già a partire dal mese di Giugno. Speriamo che anche grazie alla partecipazione delle altre forze della città, quella politica prima di tutte, si possa vedere la nostra città alzare le vele e spingersi verso una “nuova e prospera stagione turistica”. 

 

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il TerracinaBlog, sempre attento ad ogni evento culturale che si svolge in città, questa volta vi propone il video integrale della presentazione del volume: “Il Canale Pio VI di Terracina – Storia e Natura” tenutasi, la scorsa settimana, presso la biblioteca Olivetti.

La ricerca è stata condotta dai docenti dell’Area Storico-Ambientale del Dipartimento Sperimentale del Liceo e segue a un anno e mezzo di distanza l’ultima pubblicazione, intitolata Terre di Confine incentrata sulle testimonianze dei viaggiatori dei secoli scorsi.

Ecco il video:

Video importato

YouTube Video

Durante la presentazione è stato mostrato anche un estratto del video girato nel

1999 quando vi fu una ispezione del canale da parte del WWF di Terracina.

Di seguito vi inserisco il video completo su cui ho eseguito un sommario restauro (per quando si poteva fare data la pessima qualità del girato in VHS)

Video importato

YouTube Video

 

Comments Nessun commento »

 

 

Tra la gente c’è tantissima voglia di riscoprire la propria città, e di farlo anche in maniera divertente. La conferma arriva dal successo riscosso dalla nuova visita guidata organizzata del gruppo nato su Facebook ‘Sei di Terracina sé: i tanti ’mi piace’ ricevuti sul web si sono trasformati in un fiume di persone che sabato scorso hanno preso parte alla passeggiata nel quartiere La Marina accompagnati, anche stavolta, dall’ attore e scrittore Massimo Lerose.

Fra una poesia di Gigi Nofi e un aneddoto storico o folcloristico, Lerose ha raccontato ‘a modo suo’ il quartiere La Marina, quello dei pescatori, leggendo il racconto ‘Terracina’ di Pasolini lungo Vicolo Rappini, snocciolando i soprannomi dei pescatori, intervistando uno dei tanti che ha trascorso la vita sulle paranze, raccontando quella volta che nell’estate 1967 su Pisco Montano sventolò la bandiera dei Vietcong davanti alla nave Ammiraglia della flotta Americana. C’è stato spazio anche per un divertente quiz musicale sulle canzoni terracinesi: persone a bocca aperta di fronte al bambino che ha sbaragliato tutti cantando le strofe di una delle nenie popolari.
(Articolo di Rita Recchia da H24Notizie)

Ecco il video:

Video importato

YouTube Video

Nota del TerracinaBlog :

Se andate direttamente su YOUTUBE seguendo questo Link:

http://youtu.be/FsavAypqQeo

è possibile visualizzare il video in alta definizione cliccando l’icona della

rotellina meccanica e selezionando: 720p HD

invece, se vi siete persi la precedente visita tra i vicoli di Terracina Alta potrete visionare il tutto cliccando qui:

http://youtu.be/sFfVf_ndGoc

(Da notare che le musiche, nel video di Terracina Alta,  sono state rimosse a causa di notifiche di

copyright da parte di youtube e sono presenti solo sulla versione in DVD)

Infine, se desiderate ricevere aggiornamenti sui nuovi video culturali del TerracinaBlog non appena disponibili, andate su questo link:

 https://www.youtube.com/user/terracinacultura e cliccate il bottoncino in

alto a destra per iscrivervi al canale.

Buona visione a Tutti da Paolo Giannetti, WeBMaSTeR del TerracinaBlog.com

P.s.

Per contatti la mia E-mail è tdr125@gmail.com 

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Week-end di Cultura gratuita a Terracina.

Sabato 17 Maggio, notte speciale nel centro storico di Terracina. Il Museo Civico Archeologico “P. Capponi” aderisce alla Notte dei Musei, manifestazione europea di valorizzazione del patrimonio museale, e lancia l’iniziativa Verso il Sistema Museale Urbano di Terracina.
Facendo perno sul Museo Archeologico e la Torre degli Acso, visitabili gratuitamente a partire dalle ore 20.00, sarà possibile riscoprire i principali monumenti del centro storico nell’insolita e suggestiva veste notturna, grazie alla collaborazione dell’Archeoclub di Terracina, che metterà a disposizione il proprio personale.
Presso la Torre degli Acso sarà aperta la sede della Condotta Slow Food di Terracina, per festeggiare la IV edizione dello Slow Food Day, che avrà come tema “L’agricoltura familiare”. Degustazione di Vino Moscato di Terracina e bruschette con l’Olio extravergine di oliva Dop Colline Pontine, prodotti tipici del territorio e oggetto di agricoltura familiare e di piccola scala, saranno l’occasione per spiegare il ruolo e l’importanza dell’Agricoltura familiare nell’alleviare la fame e la povertà, nel rafforzare la sicurezza alimentare e la nutrizione, nel migliorare i mezzi di sussistenza, nella gestione delle risorse naturali, nella protezione dell’ambiente e nel raggiungere uno sviluppo sostenibile, in particolare nelle zone rurali.
Nell’atrio del Comune, inoltre, sarà possibile vedere alcune opere recentemente restaurate (sarcofago marmoreo, rilievo bronzeo di Cambellotti e statua della Fortuna) e visionare le immagini relative alle varie fasi di intervento.
Domenica 18 maggio, nell’ambito della Giornata Internazionale dei Musei, promossa dall’ICOM che ha come tema “Creare connessioni con le collezioni” e che ricorda come i musei siano istituzioni vive, che aiutano a creare legami con visitatori, tra generazioni e culture del mondo, l’ingresso al Museo Civico Archeologico “Pio Capponi” sarà gratuito per l’intera giornata.

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 16 maggio ore 17:00

Presentazione del libro “ Il Canale Linea Pio VI di Terracina a cura di:
Prof. Carmelo Palella Dirigente Scolastico
Prof. Giovanni Iudicone WWF Litorale Pontino

Sabato 17 Maggio 2014 ore 17:00
Presentazione del libro “I Volsci e il loro territorio” a cura dell’Autore
Massimiliano Mancini

Sabato 17 Maggio 2014 ore 18:00
Presentazione del libro “TERRACINA PITTORESCA” a cura dell’Autore
Giovanni Di Spigno

Al termine degustazione della fragola Favetta di Terracina gentilmente offerta dalla Condotta Slow Food di Terracina. Seguirà una visita guidata alla mostra allestita presso la Casa Torre degli Acso.

Info: Biblioteca Comunale A. Olivetti – Terracina Tel.0773727374 E-mail biblioteca@comune.terracina.lt.it

Comments Nessun commento »

terracina-via-pusterula-primi-del-900_bis

Giovedì 15 Maggio

Latina

Expo Latina, ex Rossi Sud
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400
dalle ore 10.00

Emergency Expo
esposizione nazionale delle emergenze e della sicurezza

vai al programma
completo

Libreria
“Piermario & co.”
via Armellini 26
ore 18.30

Tra cultura e psicologia
Incontro – Dibattito
con
Stela Taneva
Psicologa – Psicoterapeuta
Tema dell’incontro
Come riconoscere ed esprimere le emozioni

partecipazione
libera
info:
0773488145
3479570908

Park Hotel
S.S. 156 dei Monti Lepini 25
ore 19.00

L’ass.ne Latina in Cucina presenta
C’era una volta, I fritti e le Bollicine
degustazione di diversi tipi di fritti, accompagnati da Prosecco. La serata sarà condotta dallo Chef Tommaso Malandruccolo con la collaborazione dal Sommelier Elio Mazzocchi

info
e prenotazioni:
3471222651

Parco San Marco
ore 21.00

Beer Bike Tour
serata a base di birra e bici

partecipazione libera

Sottoscala 9
via Isonzo 194
ore 22.30

Concerto di
Kento & The Voodoo Brothers

info:
3397145977

Buena Onda
via Ufente 17/C
ore 19.30

Presentazione
Corso di Shiatsu

info:
3405056133

Aprilia

Via Veneto 2
ore 17.00

Nella Notte Buia Danzano: produrre immaginazione
L’immaginazione come forma di movimento capace di creare altri immaginari a partire dalla realtà

intervengono:
Maria Nostro – dir. scolastico
Federica Calandro – curatrice
Marco Tulli – curatore progetti Arte Pubblica
Valentina Fiore e Chiara Ciucci Giuliani – Sguardo contemporaneo

partecipazione libera

Gaeta

Club Nautico
dalle ore 10.30

Il Giorno della Libertà
70° anniversario della liberazione di Gaeta

partecipazione libera
vai al programma completo

Venerdì 16 Maggio

Latina

Expo Latina, ex Rossi Sud
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400
dalle ore 10.00

Emergency Expo
esposizione nazionale delle emergenze e della sicurezza

vai al programma completo

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

Venerdì Magico!
Singles e non solo
musica a 360 in uno dei più belli ristoranti pizzeria di latina…menu cena o menu pizza da 10 – 12 – 15 euro – dopo cena con consumazione obbligatoria euro 5
(compresi cocktail veramente speciali)

info:
3886549149

El Paso Pub
via sabotino
B.go Piave
ore 22.00

Concerto della Motorhead Tribute Band
Bomber

info:
0773666445

Banksy Pub
via Veio 16
ore 22.30

Concerto della rock band
Hard Road

info:
3387618869

Sottoscala 9
via Isonzo 194
ore 22.30

Concerto delle band
Hierophant
+
Cartagine

info:
3292068078

Circolo Hemingway
P.zza A. Moro 36
ore 22.30

Concerto della band
Vonneumann
opening
Wedontcaraboutnames

info:
3933364694

Aprilia

Spazio 47
S.S. 148 Pontina
Km. 47,015
ore 22.30

Concerto di
Marco Conidi

info:
3396072426

Ex Mattatoio
via Cattaneo 2
ore 22.30

Concerto della rock band
(Re)Offender

info:
0690288364

Gaeta

P.zza della Libertà
dalle ore 17.30

Il Giorno della Libertà
70° anniversario della liberazione di Gaeta

partecipazione libera
vai al programma completo

Sezze

Museo Archeologico “Sala dell’Ercole”
ore 18.00

Presentazione del romanzo
“C’è del muschio in terza A”
di
Giancarlo Loffarelli

partecipazione libera

Sabato 17 Maggio

Latina

Expo Latina, ex Rossi Sud
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400
dalle ore 10.00

Emergency Expo
esposizione nazionale delle emergenze e della sicurezza

vai al programma completo

Bar Poeta
P.zza del Popolo
ore 9.00

Maratona Fotografica Città di Latina
una ricerca creativa  all’interno della propria città attraverso qualsiasi mezzo fotografico digitale.

info:
07731761809
vai al dettaglio

Curia vescovile
P.za Paolo VI
ore 9.30

Convegno
Vecchie e nuove povertà

Sfide ed opportunità del territorio.

partecipazione libera

Sette Note Pub
B.go S. Michele
ore 22.00

Concerto della Ozzy Tribute Band
Ozzakk

partecipazione libera

Circolo Hemingway
P.zza A. Moro 36
ore 22.30

Concerto delle band
Bad Apple Sons
+
The Stonebird

info:
3933364694

Cori

Museo della Città e del Territorio
ore 17.00

Incontro dal tema
Cori: tipologie edilizie nell’area del foro tra medioevo ed età moderna. Un’esperienza contemporanea nel tessuto urbano stratificato
curato dagli architetti Angela Papasidero e Paolo Sellaroli

partecipazione libera

Gaeta

P.zza della Libertà
?dalle ore 17.30

Il Giorno della Libertà
70° anniversario della liberazione di Gaeta

partecipazione libera
vai al programma completo

MAP
P.zza Kennedy
ore 18.00

Presentazione del libro
Non Ha Dato Prova di Serio Ravvedimento. Gli Ebrei Perseguitati nella Provincia del Duce
di Emilio Drudi
presenta il Prof. giorgio Maulucci

partecipazione libera

Sermoneta

Centro Storico
dalle ore 17.30

Maggio Sermonetano
spettacoli in strada

info:
3296284750
vai al programma completo

Domenica 18 Maggio

Latina

Expo Latina, ex Rossi Sud
S.S. 156 dei Monti Lepini
km. 51,400
dalle ore 10.00

Emergency Expo
esposizione nazionale delle emergenze e della sicurezza

vai al programma completo

Ristorante
“Sale e Pepe”
S.S. 156 dei Monti Lepini
ore 20.30

DOMENIKARAOKE
Singles e non solo!
si canta tutta la sera e ogni tanto… un ballo… Nello stesso tempo allarghi le tue amicizie..aperitivo con stuzzichini – spazio relax in giardino

info:
3886549149

Gaeta

Centro Storico
?dalle ore 10.15

Il Giorno della Libertà
70° anniversario della liberazione di Gaeta

partecipazione libera
vai al programma completo

Priverno

Centro Storico
dalle ore 10.00

XVII Sagra Agro alimentare
Gastronomia – Artigianato – Tipicità – Clown – Musica – Arte

info:
3333832260

Sermoneta

Centro Storico
dalle ore 17.30

Maggio Sermonetano
spettacoli in strada

info:
3296284750
vai al programma completo

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 16 maggio, alle ore 17,00 presso la Biblioteca Olivetti di Terracina, sarà presentato il volume “Il Canale Pio VI di Terracina. Storia e Natura”, nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Il Maggio dei Libri”.

Alla presentazione del volume, edito dal Liceo “Leonardo da Vinci” della città, saranno presenti il Prof. Carmelo Palella, Dirigente Scolastico, e il Prof. Giovanni Iudicone, del WWF Litorale Pontino. Per gli autori interverranno i docenti Rosaria Colandrea, Rosario Malizia e Maura Talone.
Cordiali saluti.

La Segreteria
dell’Archeoclub di Terracina

Comments Nessun commento »

pchd1365955813831_bis

Dopo il successo della visita guidata nella quale i protagonisti erano non i luoghi ma i personaggi che abitano ed hanno abitato tali luoghi, la pagina “sei di Terracina se” lancia un’altra iniziativa similare, ambientata, questa volta, nella parte bassa della città, in particolare nel quartiere denominato “La Marina”. Anche questa volta l’organizzatore promette di fare cultura sorridendo, anzi ridendo. Il concetto che sta alla base di tutte le attività in programma è molto semplice: per i bambini spesso si fa cultura attraverso il gioco, per quale motivo non possiamo fare lo stesso anche per gli adulti? Del resto crescendo si cambia solo il modo di giocare ma non si smette mai di farlo. Ed è così che il 17 maggio alle ore 17 partirà da Porta Napoletana una visita guidata che toccherà i principali siti storico/archeologici del quartiere La Marina, non tralasciando interviste a personaggi, lezioni di pesca tenute da anziani pescatori, aneddoti, poesie, brani. Anche per questa visita l’organizzatore ha inteso avvalersi dell’arte di Massimo Lerose; sarà lui, infatti, a guidare la visita, a declamare brani, a descrivere luoghi, ad intervistare personaggi. Ecco il link di collegamento alla pagina https://www.facebook.com/pages/Sei-di-Terracina-se/243279955849095

(articolo tratto da TerracinaLive)

Per chi si fosse perso la precedente esperienza è possibile  visionarla sul canale:

https://www.youtube.com/user/terracinacultura

 

Comments Nessun commento »

Sabato 17 maggio e domenica 18 maggio 2014, in occasione della “Giornata Internazionale dei Musei”, i cittadini e turisti che lo vorranno potranno accedere gratuitamente al Museo Civico Archeologico “Pio Capponi”, che effettuerà nell’occasione il seguente orario di apertura al pubblico: sabato 17 maggio, dalle ore 9 alle ore 24, domenica 18 maggio dalle ore 9 alle ore 13, dalle ore 15 alle ore 18. Con ingresso al pubblico è consentito fino a 15 minuti prima dell’orario di chiusura.

La biblioteca comunale “Adriano Olivetti” aderisce all’iniziativa con una apertura straordinaria sabato 17 maggio, dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 17 alle 20.
Alle ore 17 prenderà l’avvio, il programma culturale elaborato in occasione del “Maggio dei Libri” con la presentazione del volume “I Volsci e il loro territorio” di Mario Mancini e del volume “Terracina Pittoresca” di Giovanni Di Spigno.
Seguirà una visita guidata alla mostra allestita presso la Casa Torre degli Acso.
Come assessore alla cultura – afferma Emilio Perroni – sono veramente felice che Terracina partecipi alla notte dei musei.
Quest’anno oltre al museo Pio Capponi c’è anche la possibilità di visitare la torre degli Acso, un patrimonio restituito alla città e ai suoi cittadini. Terracina ha un
enorme potenziale che va conosciuto e valorizzato.
La notte dei musei è dunque un piccolo assaggio di quello che Terracina potrà offrire in futuro ai cittadini e ai tanti turisti. Vi aspetto in ogni modo numerosi ai due eventi programmati”.

Comments Nessun commento »

Domenica 18 maggio 2014

Giornata delle Oasi del WWF

“Salviamo l’Amazzonia, Oasi del Mondo”

Missione speciale quest’anno per la Giornata delle Oasi WWF prevista domenica 18 maggio 2014. Le aree protette del WWF scendono in campo per salvare l’Oasi del Pianeta, la grande foresta Amazzonica che negli ultimi 50 anni ha perso quasi un quinto della sua superficie, compresi animali e risorse naturali preziose per le popolazioni locali e di tutto il pianeta.

Vieni a trovarci al parco della Rimembranza

Domenica 18 maggio il parco della Rimembranza di Terracina sarà aperto al pubblico dalle ore 10 al tramonto.

Programma della Giornata:

Visite guidate
Mostra fotografica sull’Amazzonia
Mostra fotografica Terracina dimenticata di Stefano Del Monte

I visitatori potranno passare una giornata serena nel parco più antico della città, dichiarato per legge monumento pubblico, ed eventualmente pranzare al sacco.

Potranno, inoltre, informarsi sulla raccolta differenziata in corso in città e che si pratica anche nel parco.

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Video importato

vimeo Video

Cosa è il “Corridoio Verde” contro cui si sono attivati gli agricoltori italiani

Il “corridoio verde” è l’ ennesima sconfitta dell’ agricoltura italiana.
Perdono gli agricoltori del sud Europa e vincono ancora una volta i Governi e i
“poteri forti del nord”, schierati contro l’agricoltura mediterranea con il
sostegno dei parlamentari del PPE.

 

L’ accordo prevede l’apertura delle frontiere europee ai prodotti dal nord africa
dell’agricoltura e della pesca, in particolare l’importazione di olio, cereali,
agrumi e di ortofrutta, a fronte di esportazione dall’ Europa di tecnologie
industriali e in cambio di ulteriori commesse di opere pubbliche. Già in passato
l’ agricoltura era stata oggetto di baratto a favore dell’ industria meccanica
italiana ed europea.
Così, in assenza di una politica agricola europea valida, al di là degli slogan,
i nostri prodotti saranno costretti a competere al ribasso, in una situazione di crisi
economica e sociale devastante che colpisce tutti i Paesi Europei del
Mediterraneo.

Ecco cosa afferma il C.R.A. (comitati riuniti agricoltori) sulla sua pagina facebook:

CORRIDOIO VERDE , LA TRUFFA LEGALIZZATA CHE HA ARRICHITO SINDACALISTI AGRICOLI
E POLITICI CORROTTI …

“L’export Italiano nell’agroalimentare è aumentato , ultimamente abbiamo
ascoltato questa notizia , detta così sembra che le nostre aziende stiano
facendo un bel guadagno con i prodotti agricoli ma non è così !!! Quella merce
non è il frutto delle nostre terre , ma semplicemente il risultato della truffa
perpetrata da anni contro gli Agricoltori , infatti quella “merce che se
controllata e analizzata verrebbe immediatamente sequestrata perchè prodotta con
ANTIPARASSITARI ALTAMENTE PERICOLOSI PER LA SALUTE PUBBLICA , non può essere
analizzata in virtù di questo vergognoso accordo fatto dal ministero
dell’agricoltura nel 2004 , per scaricare questa merce in terra Italiana , basta
una semplice autodichiarazione che , rende di fatto NULLO QUALSIASI CONTROLLO
….Ora vi spigo come fanno : Tutta la merce che arriva da quei paesi (NORD
AFRICA ) VIENE PORTATA A DELLE COOPERATIVE AGRICOLE CONTROLLATE DIRETTAMENTE DAI
SINDACATI STESSI, viene reincassettata e venduta cone Italiana , impedendo di
fatto la produzione ai nostri Agricoltori perche la stessa merce proveniente dal
Nord Africa costa DIECI VOLTE DI MENO ….non solo gli stessi sindacati corrotti,
percepiscono dallo stato Italiano molti Miliardi a fondo perduto , per
imparare gli stessi agricoltori del Nord Africa a produrre (ma di fatto se li
rubano tutti) ..in poche parole , Questo è l’aumeto dell’export agricolo
…aumento di fatto di grossi intrallazzi e denari che gli stessi sindacati ,
con complicità della politica stanno effettuando personalmente a danno di tutti
gli Agricoltori …

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ieri si è tenuta l’inaugurazione della mostra “La Terra di Sergio”  presso

la Sala “Appio Monti” in Via Roma.

Al termine della cerimonia di presentazione della mostra ha avuto luogo

un concerto del “Duo Drokov” che ha eseguito canzoni e

musiche popolari russe.

Di seguito il video del TerracinaBlog.

Vi ricordo che è possibile ricevere gratuitamente tutti gli aggiornamenti

dei video culturali su Terracina visitando questo link:

https://www.youtube.com/user/terracinacultura e cliccando

il tasto rosso in alto a destra con scritto: ISCRIVITI

Buona Domenica e buona visione dal TerracinaBlog.com !

Video importato

YouTube Video

Comments Nessun commento »

Il Comune di Terracina intende attuare azioni miglioramento e di abbellimento della città stabilendo
di incentivare i cittadini ad abbellire l'esterno delle loro abitazioni e quindi di conseguenza dellacittà.
In tal senso, l'Amministrazione comunale promuove la prima edizione del concorso per
l'attribuzione del Premio denominato "Balcone Fiorito 2014".
II Comune di Terracina, promuove un concorso di abbellimento con decorazioni floreali di balconi,
terrazze, finestre, davanzali o particolari abitativi visibili dall'esterno, nel territorio comunale.
Gli obiettivi del concorso si sostanziano nella promozione dei valori ambientali e della cultura del
verde come elemento di decoro, nonché nella valorizzazione e miglioramento dell'attrattività del
Comune di Terracina.
Il concorso riguarda tutti gli abitanti nel territorio comunale di Terracina che abbelliscono parti
esterne della propria abitazione secondo criteri valutativi stabiliti nel presente Bando.
In caso di comproprietà o di locazione congiunta dell'immobile, la domanda può essere presentata
anche da un solo proprietario o locatario, i quali assumeranno l'onere di ottenere il consenso del
relativo comproprietario o locatario congiunto.

La Commissione giudicatrice sarà composta come segue:

- dal Sindaco o suo Rappresentante, Presidente della Commissione;
- dall'Assessore al Turismo;
- da un tecnico del settore florovivaistico;
- da un architetto;
-da un fotografo.

La Commissione svolge le proprie funzioni a titolo gratuito.
La Commissione sarà assistita da un Segretario, che fungerà da verbalizzante senza diritto di voto.
Le decisioni della Commissione sono assunte a maggioranza dei componenti. La decisione della
Commissione giudicatrice ha carattere vincolante e sarà inappellabile.
Possono partecipare al concorso tutti gli abitanti nel territorio comunale di Terracina proprietario I
proprietari di immobili, locatari (in caso di immobile preso in locazione) o Amministratori di
condominio (in caso di immobile composto da più appartamenti), mediante l'utilizzazione
dell'apposito modulo disponibile presso gli uffici comunali e sul sito internet comunale all'indirizzo
www.comune.Terracina.lt.it.
Svolgimento del concorso e scelta del vincitore:
Entro la prima settimana del mese di luglio la commissione giudicatrice si riunirà e
stilerà una graduatoria provvedendo alla identificazione dei primi dieci concorrenti attraverso la
visione del materiale fotografico pervenuto valutando le decorazioni floreali secondo la seguente
tabella per l'attribuzione dei punteggi.
Se la Commissione lo riterrà opportuno potrà effettuare appositi sopralluoghi presso le abitazioni
dei soggetti partecipanti.
Punteggio massimo attribuibile: 20 punti.
PARAMETRI DI VALUTAZIONE (MIN. O MAX. 5)
1) Combinazione cromatica dei fiori e delle piante
2) Armonia d'inserimento del verde nello spazio abitativo
3) Originalità della creazione
4) Inserimento armonico delle piante fiorite nel contesto urbano.
La Commissione attribuirà, collegialmente ed a maggioranza, un proprio punteggio a ciascun concorrente 
per ognuno degli elementi di valutazione.
La sommatoria dei punteggi per ciascun parametro fornirà il totale del punteggio assegnato al
concorrente e determinerà la graduatoria dei primi dieci.

Ai primi tre classificati saranno riconosciuti i seguenti premi:
- al 1° classificato del concorso è destinata lattribuzione di una targa;
- al 2° classificato è destinata l'attribuzione di una targa;
- al 3° classificato è destinata l'attribuzione di una targa;
I premi saranno sponsorizzati dalle ditte florivivaistiche che aderiranno.
L'approvazione definitiva della graduatoria avverrà, in base al verbale redatto dal segretario della
commissione, nel quale si evidenzieranno le risultanze dei punteggi attribuiti.
L'esito del concorso, relativamente ai primi dieci classificati, sarà ufficializzato attraverso avviso
pubblico sul sito internet del Comune di Terracina.
La premiazione avrà luogo a Terracina in occasione della festa "Madonna del Carmelo".

II Comune di Terracina si riserva la facoltà di realizzare, contestualmente o successivamente alla
premiazione del concorso, una mostra fotografica avente ad oggetto le foto pervenute di balconi
fioriti del territorio, anche mediante pubblicazione sul proprio sito internet.

Nota del WEBMASTER del TerracinaBlog.com
Quanto sopra è un libero estratto dal Bando di partecipazione, il quale, puo' 
essere consultato scaricandolo in maniera integrale dal sito internet comunale, 

link:

http://www.comune.terracina.lt.it/news/news_action.php?ACTION=download&cod_allegato=122644


									

Comments Nessun commento »

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOSTRA FOTOGRAFICA “LA TERRA DI SERGIO” ( SERGIEV POSAD – FEDERAZIONE RUSSA)
SALA APPIO MONTI  – TERRACINA – 10.05 – 15.05.2014

 

Il rapporto di amicizia con la Città gemellata di Sergiev Posad, Federazione Russa, continua ad essere molto intenso.

 

Dopo il viaggio degli Studenti di Terracina ospitati, la scorsa settimana, nelle famiglie della bella cittadina russa, un gruppo di agenzie di viaggio di Sergiev Posad, insieme ai rappresentanti dell’Associazione di amicizia “Città Gemellate”, allestiranno, in collaborazione con il Circolo “A.S. Puskin” di Terracina, una mostra fotografica dal titolo “La terra di Sergio”, curata dal fotografo Dimitry Stefanov, nella ricorrenza del 700° anniversario della fondazione della Città e del Monastero.

 

L’inaugurazione della mostra si terrà presso la Sala “Appio Monti” di Via Roma a Terracina Sabato 10 maggio prossimo alle ore 18.00 alla presenza del Delegato ai rapporti con le Città gemellate Gianfranco Azzola, del Presidente e del Vice Presidente del Circolo Italia-Russia Antonio D’Ettorre ed Antonio Simeoni.

 

Al termine della cerimonia di inaugurazione della mostra avrà luogo un concerto del “Duo Drokov” che eseguiranno canzoni e musiche popolari russe.

 

Nei prossimi giorni le Agenzie di viaggio del Distretto di Sergiev Posad avrà modo di visitare e conoscere le bellezze di Terracina e della Riviera di Ulisse.

 

Antonio D’Ettorre – Presidente

Antonio Simeoni – Vice Presidente

Associazione Provinciale Italia-Russia

Circolo “A.S.Puskin” – Terracina (LT) – Italia

  

 

 

 

Comments Nessun commento »

Video importato

YouTube Video

Ieri si è aperta la campagna elettorale del Movimento Cinque Stelle a Terracina in Piazza Garibaldi.

Erano presenti i deputati Carla Ruocco, Roberta Lombardi e  la Terracinese, portavoce alla Regione Lazio, Gaia Pernarella.

Per quanto riguarda le elezioni Europee sono stati presentati anche i seguenti candidati del movimento:

http://www.beppegrillo.it/europee/candidati/giovanni_ghirga.html

http://www.beppegrillo.it/europee/candidati/dario_tamburrano_2.html

http://www.beppegrillo.it/europee/candidati/giuseppa_campo.html

Le tre donne del movimento hanno parlato di tanti argomenti sia nazionali che locali e, verso il termine, hanno risposto alle domande dei cittadini presenti. Potrete vedere il tutto nel video allegato prodotto dal TerracinaBlog.com. Se vi sarà occasione saranno inseriti anche i video delle altre forze politiche che si proporranno in piazza durante questo periodo elettorale.

Saluti,

Paolo Giannetti, WeBMaSTeR del TerracinaBlog.com

 

Comments Nessun commento »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come ogni anno ecco il mio piccolo video dell’evento….

Video importato

YouTube Video

 

Alcune Storie e curiosità di una Terracina che non c’è più sulla figura di San
Silviano. (Gentilmente segnalate dal Sig. Enrico Cannella)

Santa Silvia ed il figlio San Silviano abitavano dove ora sorge il Santuario a
questi dedicato. Un Martedì santo, Santa Silvia, com’era consuetudine, aveva
ammassato i tortoli e tenendoli al caldo fra le coperte ne sorvegliava
attentamente la crescita. Il Giovedì, dovendo procurarsi la legna per il forno, incaricò il figlio di tenerli d’occhio e l’avvertisse tempestivamente quando fossero giunti al giusto punto di lievitazione. Questi, però, messosi a giocare a “mazz’e saràca” con dei coetanei, se ne dimenticò ed i tortoli si screscetòrne

(1). Apriti cielo! Santa Silvia, giustamente incavolata, si lanciò contro il
figlio per suonagliele, ma questi che aveva subito intuito quale sarebbe stata
la soluzione finale del contenzioso, si proiettò prudentemente a rotta di collo
per la Valle, cercando di mettere la maggiore distanza fra sé e la divisione
corazzata che lo inseguiva. Arrivato all’altezza di quella che è oggi è la
cappellina della Madonna della Neve, inciampò e cadde con un ginocchio su una
pietra e, simultaneamente , levò gli occhi al cielo ed allargò le braccia in una
muta invocazione di soccorso. Miracolo! Il piccolo Silviano fu investito da una
luce straordinaria. La pietra sulla quale era caduto, come fosse stato burro,
aveva ceduto all’impatto violento e v’era rimasta impressa l’impronta del
ginocchio. Santa Silvia ebbe la folgorazione che quel suo figliolo era un
prediletto del Signore e tornati a casa, ambedue ripieni di divina grazia,
trovarono ben ordinati nella màdia i tortoli belli e cotti e tanto alti e
soffici e tanto dorati che da allora non se n’è più visti. A ricordo di questo
fatto memorabile ed a conservazione della pietra del miracolo fu innalzata la
cappellina Della Madonna delle Grazie, successivamente chiamata Madonna della
Neve. Dunque, tenendo presente che la tradizione popolare non tiene mai conto
del tempo, dello spazio e della logica, ecco spiegate alcune cose. Perché nella
Chiesa poi innalzata sui resti della sua casa sono riprodotti in rilievo su
pietra i famosi tortoli. Si possono ancor oggi osservare nella cappellina che
costituiva il nucleo originale dell’attuale Santuario. Vi si accede da una
porticina a destra dell’altare maggiore. Sono in realtà, dei fregi a treccia di
epoca forse Longobarda. Ecco, per esempio, spiegato l’atteggiamento del
simulacro del Santo. E’ colto nell’attimo della caduta (2). Ecco la spiegazione
del perché alcuni pani di tortoli vengono conservati fino al primo Maggio: per
essere consumati in devozione a S. Silviano. Ecco spiegato, altresì, perché
nella prima settimana di Maggio viene dal cielo un’ira d’Iddio di pioggia e
grandine. Perché vuole tornare a Terracina. Perché lassù, in compagnia della
madre, con la quale non andava e non va d’accordo, non ci vuole stare, va bèh?!

Relata rèfero: tutto questo accussì le sò ccattate e accusì ve le revènne. La
pietra del miracolo conservata alla Madonna della Neve non c’è più. L’ho
cercata, ma non sono riuscito a sapere come e quando sia scomparsa. La ricordo
bene perché da bambino, quando andavamo alla vigna, mia madre, e non solo lei,
vi si fermava per le “devozioni”. E’ una sagra popolare di fuori porta. Il
giorno celebrativo di S. Silviano secondo la liturgia e l’undici Febbraio e
viene solennizzato in Chiesa con un rito religioso. La celebrazione popolare,
invece, avviene il Primo Maggio a mezzo di una processione con la quale
l’immagine del Santo viene portata alla Chiesa a lui dedicata sita alle falde
del Monte Leyano (3). Il De Andreis, nella sua Historiae Taracinae ci dice che
in tempi passati erano si due feste celebrative dedicate al Santo, ma a
differenza di oggi erano anche due processioni; e si domandava il perché sia
stata lasciata cadere quella del Febbraio, che era la più logica, e tenuta
quella di Maggio. Forse perché di Febbraio era scomoda per il freddo e la
pioggia? Ma anche il primo Maggio non sempre va liscio: vengono giù certi
trupiòne (4) . Infatti: Quande San Felice s’ancappella lassa la zappa e pija la
rumbrèlla. Forse la data del primo Maggio è legata a qualche intervento
miracoloso sulla città attribuito al Santo? O forse è la conversione cristiana
delle antiche feste pagane al Dio Silvano e che il popolo, via, via, ha
identificato in Silviano? Forse quest’ultima ipotesi ci potrebbe spiegare la sua
elezione a protettore dei vigneti che fioriscono, appunto, in Maggio. Mah!
Queste mie sono domande e se anche implicitamente sono una risposta questa è del
tutto soggettiva e quindi tenete conto in tal senso.

LA FESTA La mattina presto, le cinque-le cinque e mezza, la Piazza cominciava a
riempirsi di popolo. Erano parentadi interi che si muovevano a branchi si che la
città restava deserta. Restavano momentaneamente in casa solo le donne delle
abitazioni le cui finestre davano sul Corso, le quali avevano il compito di
gettare petali di fiori al passaggio del Santo e che, poi raggiungevano le
famiglie. Con le mangòrge (tascapani) a tracolla piene di scevuarièje ( in
seguito di pane), uova sode, formaggio, salame (ottimo col tòrtolo), tortoli e
vino, attendevano l’uscita della processione. Intanto, mentre la Banda suonava
allegre marcette ed i bottaroli (5) stendevano sulla gradinata le lunghe teorie
di mortaletti, fuori la porta centrale della Chiesa, in presenza dell’Arciprete,
avveniva l’anfèrta (6). Alle sei circa, al suono della Banda, che suonava la
“marcia di S. Silviano” (7), tra lo sparo assordante e l’acre fumo dei
mortaletti, fra lo scampanio festoso e la marea di folla che urlava frenetica:
evviva S. Servianooo!, preceduto dall’Arciprete e da una banda di chierichetti
dispettosi e litigiosi (frenati solo momentaneamente dagli scappellotti che
l’Arciprete distribuiva senza risparmio) il Santo usciva dalla chiesa. Sotto una
pioggia di petali di fiori attraversava il Corso e la Sèvecia (l’Appia antica) e
raggiungeva il Santuario ai piedi del Monte Leyano. Lasciamo che la processione
si avvii e soffermiamoci un instante che intendo farvi notare due cose. La
prima, il particolare suona della campana. Era suonata a battòcchèj (cioè,
tendendo il battacchio in mano) con due colpi lenti e due in rapida successione
e l’interpretazione erache dicesse: din don San Servià! La seconda è che nel
preciso instante che il Santo appariva sulla porta della Chiesa, i contadini
osservavano l’orientamento della banderuola che era in cima alla cuspide del
campanile del Palazzo Municipale (distrutto per bombardamento). Dal suo
orientamento traevano presagi sul raccolto. Ed ora possiamo raggiungere la
processione. Ad ogni quadrivio ( Vicolo Caùto con Campo dei Fiori, Vicolo
Assorati con Vicolo delle Belle, Piazza San Giovanni , Piazza Quattro Lampioni e
così via a tutti gli incroci), sempre fra le grida assordanti di: evviva San
Serviano, o al canto di: San Serviano prètèttòre fa le grazzie an tutte l’òrè -
fa le grazzie an tutte l’òrè noi l’antiam’ accumpagnà…e sempre al suono della
Banda, i cui suonatori davano dentro a fiatescite, la statua veniva alzata e
abbassata verso ognuno dei quattro punti cardinali, benedicendo la città e la
campagna. Dopo, poggiatola su un tavolo appositamente preparato, i portatori
venivano ristorati con un bicchiere di vino. Ma se questi bevevano, gli altri
potevano stare a guardare? E così ognuno si attaccava alla propria ‘mpajatèlla
(fiasco impagliato) e la bevuta ogni volta diventava di dimensioni omeriche. E
siccome le fermate erano diverse non ci vuole una gran fantasia per immaginare
come arrivassero alla meta: tutte ambriàche accòme a ciùcce. Ma queste erano
soste programmate. C’erano anche quelle non programmate ma che non possiamo
assolutamente definire impreviste, perché, pur non sapendo dove e quando
sarebbero avvenute, se le aspettavano. Erano quelle provocate da qualche donna
che, spiritata, mezza discinta, scarmigliata, aspergendosi il capo di cenere, si
gettava ginocchioni davanti al Santo e urlava: grazzia, grazzia, seguita dalla
folla che, accodandosi solidale, invocava a sua volta: grazzia, San Serviane,
grazzia! Poi saliva su una sedia, premurosamente procurata, ed appuntava con uno
spillo sulla statua la sua anfèrta che in genere era costituita da un monile
d’oro o da un biglietto di grosso taglio: cinquanta ed anche cento lire. Oppure
era una donna che faceva un’offerta supplementare per un beneficio già ricevuto.
Di queste speciali “fermate” poteva essercene una , ma anche due o tre. Insomma,
come potete vedere la faccenda andava per le lunghe. La Valle non era come oggi
si vede. Spoglia di abitazioni era una distesa di verdi vigne maculate
dall’argento degli ulivi. Le strade erano quasi dei viottoli racchiusi fra due
spessi ed alti filari di rovi, ove a malapena transitava un somaro con la sporta
o i biconci, e sormontavano i fossati con dei romantici, acciottolati ponticelli
a schiena d’asino di fattura settecentesca. Era il tempo in cui nelle notti
estive era tempestata dal brillio delle luccecantèlle (lucciole) e gli uomini si
soffermavano a mirare l’immenso braciere del cielo e vedere le stelle ansimare
impazzite per il gran caldo; e la luna salire grossa e rossa e via via
tramutarsi in una perla splendente che con la sua opalina luce evanescente
creava ombre e luci tenui e suggestive, mentre su un mare di cobalto denso di
mistero, un giovane antico Dio pazzo d’amore gettava a sfascio manciate di
diamanti; quando si poteva udire tra la vegetazione fiorente il gannire della
volpe, e forse chissà, in lontananza dei monti, l’ululato dell’ultimo lupo;
quando i grilli la colmavano con le loro melodiose serenate alla vita, dopo il
frinire tremendo delle cicale che nella calura meridiana l’avevano assordata.
Arrivati al Santuario ed assolti i doveri religiosi, sciamavano sui prati per la
colazione. Due, tre, quattro famiglie si univano e formavano un’unica gioiosa
comitiva. I prati si chiazzavano dei variopinti abiti delle ragazze. Era una
svolazzante sinfonia di rosa, di verdi, di gialli, che si componevano come mazzi
di fiori e che rapidamente si scomponevano per ricomporsi più in la, come in un
caleindoscopio con diversa composizione. E gli inviti a condividere la colazione
si rincorrevano l’un l’altro. E il gioco a “scoccia uova”, dove si diventava
proprietari dell’uovo sodo dell’altro se con il proprio si riusciva a
scocciarlo. ( a rompere il coccio – il guscio), e le magnate di giuncata (latte
cagliato)…e il gioco della règa. E sui prati al suono di un’armonica (8) il
Saltarello (9). In tempi a noi vicini non era raro udire il seguente dialogo: -
Segnurina, lèia vòja abballara? – la invitava lui che già tempo l’aveva
adocchiata. – Non saccio abballara – rispondeva lei, modesta e riottosa,
guardando di sottecchi quali potevano essere le reazioni della madre. Anzo lo
mèjo, accossì te l’anzènco ( te lo insegno)! E ricevuta con un’occhiata la
tacita approvazione materna si rilassava fra le braccia di quello che forse,
chissà, pure lei da tempo aveva adocchiato. E lo spettacolo continuava anno dopo
anno sempre sullo stesso copione e gli stessi personaggi: lui e lei. Cambiavano
solo gli interpreti , ma ogni volta era come nuovo. Intorno a mezzogiorno
cominciava il rientro al paese, tranne quei pochi che si fermavano ai loro
vigneti e vi trascorrevano la giornata. Prevedo la vostra domanda: come
rientravano?? Ambrejache! Come volete che rientrassero!? Il Sabato pomeriggio
successivo, ma non prima che fossero trascorsi sei giorni, il simulacro del
Santo veniva portato in paese e parcheggiato , se così posso esprimermi, nella
Chiesa delle grazie ai Quattro Lampioni. La mattina dopo, Domenica, i bambini
che in quel giorno ricevevano la Prima Comunione lo andavano a prendere in
processione e lo accompagnavano in Cattedrale, ove restava (ed ancora resta)
fino all’anno dopo.

ALCUNE CURIOSITA’

Il nome Probabilmente o era un matronimico o nell’assurgere alla dignità
vescovile, in omaggio alla madre, volle assumerne il nome. Non sappiamo quale
realtà sia il nome e quale il casato.

La statua

In altra epoca non era quella che oggi vediamo ma un’altra di circa un metro di
altezza.Un primo Maggio fu portata a spalla dalle donne perchè gli uomini,
vedendo il cielo rabbuiarsi di brutto, si erano rifiutati di farlo. Giunte
all’incrocio che mena al Santuario venne giù una grandinata che distrusse quasi
totalmente i raccolti. Sbigottite e incazzate ma di brutto esse diedero
un’occhiata alla statua e dicendole di brutto: “Vatt’a murì a’mmazzate!” la
scaraventarono in un fossato ove si fece in mille pezzi.

La pigna d’uva.

E’ d’argento massiccio e fu donata da Carlo Longarini detto Panzètta per grazia
ricevuta (amnistia) dopo che ebbe ammazzato la prima moglie. Però io dico quello
che si sottaceva o si minimizzava, e cioè: che un cugino era un Canonico della
Cattedrale e che questo “benedetto miracolo” gli costò una decina di scudi
d’oro, che è in tutti i tempi il grasso migliore per ungere certe ruote e farle
girare a proprio favore. Il bagno d’oro, invece, fu un dono del Canonico Don
Luigi Longarini (figlio della seconda moglie) che così volle il voto paterno.

l’innammorato

Era un non meglio da me identificato Francesco Perroni. Tutte le sante sere e
dico tutte le sante sere faceva visita al Santo e con lui aveva un franco e
cordiale colloquio. Chiedeva notizie sulla sua salute, dava le proprie e lo
ragguagliava sui fatti del giorno. Una sera nella chiesa illuminata soltanto dal
fioco chiarore di un lumino acceso davanti all’altare del sacramento, non si
accorse della presenza di un altro che udì il serale colloquio: “Accòme
staj?…Je stònghe bbuènè!…..Le vigne? Chèlle stanne bbòne! Enne ‘ncumenzate a
spegà…Oh, mò me raccumannne, eh? Nen fa menì la nèva (grandine) o la feratura
(gelata) , ca je chist’anne tènghe chèlla fiuccia d’anzurà e j bajòcche me
sèrvene. Oh faccia ancazzurellita, nen guardà de llà, ca je tènghe cu tè!
Statt’attiènte, èh, si capite? Mbèh, mò me ne vaj. Bònanotta! Fece per andare,
ci ripensò, tornò indietro ed accendendo un cero disse:” E’ss’jh! Che ssi bbèje,
nih! Che te pozzen’accide a tè e j’Acceprète! Se nen fosse per mè starisse sèmpe
a llu scurè!..e se ne andò. Durante la processione camminava a fianco della
statua assumendone l’atteggiamento ed ogni volta che questa “benediceva” la
città e la campagna, urlava a squarciagola: Evviva San Sèrviane, Pòrca madonna!
e volgeva all’intorno uno sguardo di sfida nella improbabile eventualità che
qualcuno dissentisse….

1) Passato di crescita. Il contrario è ammazzarite. 2) Nei dipinti è normale, ma
come statua penso sia l’unico Santo raffigurato in ginocchio. 3) Prende il nome
dalla seicentesca famiglia Leya che ne era proprietaria. 4) Grossa tropea.
Violente piogge primaverili che spesso portano grandine e distruggono i
raccolti. Ci consoliamo dicendo: Quande è maletièmpe a Tarascina -a j’ate pòste
l’acqua se j strascìna 5) Celebre è stato Dieghe Carabbante ( Diego Mannarelli).
Vi camminava in mezzo come se stesse facendo una passeggiata per la spiaggia. 6)
Era una specie di asta dove squadre di fedeli si contendevano a suon di
quattrini l’onore di portare l’immagine. Ciascuna era composta da 24 elementi:
12 di stanga e 12 di muta (cambio) Questa tradizione si spense alcuni anni prima
della 1° guerra mondiale e la statua fu portata dai membri della Confraternita
di S. Silviano (tunica gialla e mantellina verderame: l’uva è la sua foglia)
Dopo la II guerra mondiale le cose si invertirono: i portatori volevano essere
pagati. Un episodio. Un anno non trovando l’accordo sul prezzo l’Arciprete
minacciò di farlo portare dai “vallecorsani”. Arassesìa! Accettarono di colpo le
condizioni. Vallecorsani erano chiamati gli abitanti delle colline perché i loro
avi provenivano da Vallecorsa. Si dice che i primi vi fossero stati portati a
domicilio coatto perché parenti o manutengoli dei briganti. Oggi, come vedete,
lo si trasporta su un carro trainato da un trattore. 7) La marcia ha il titolo
di Giocondità, ma ben pochi lo sapevano. Visto che piaceva tanto, la Banda, in
quest’occasione, la suonava sempre così, anno dopo anno, è diventata tradizione.

Comments Nessun commento »