Archivio Agosto 2008

(continua…)

Comments 7 Commenti »

(continua…)

Comments Nessun commento »

(continua…)

Comments 7 Commenti »

(continua…)

Comments 5 Commenti »

(continua…)

Comments 1 Commento »

(continua…)

Comments 9 Commenti »

(continua…)

Comments 2 Commenti »

(continua…)

Comments 4 Commenti »

(continua…)

Comments 3 Commenti »


Una gestione oculata, con la razionalizzazione delle risorse economiche rientra
nei compiti di ogni amministrazione.
A Terracina, questo tipo di politica non
sembra trovare riscontro dalle ultime vicende. Ieri il Pd ha sollevato la
questione degli scrutatori delle elezioni politiche dello scorso aprile, i quali
nonostante siano passati più di quattro mesi, a differenza di molti altri
comuni, non hanno percepito ancora gli onorari di cui hanno diritto. "Il mancato
pagamento di tali compensi – sottolinea la nota del Pd – sta determinando
notevoli disagi a coloro che hanno svolto le normali operazioni di scrutinio,
considerando che nella grande maggioranza, si tratta di giovani studenti e
disoccupati. Nelle more dell’invio dell’erogazione dei finanziamenti da parte
del governo, il comune di Terracina potrebbe anticipare i fondi – circa 40 mila
euro – per il pagamento di quanto dovuto almeno agli scrutatori, come hanno
fatto già molti altri comuni. L’Amministrazione incurante di questi problemi
continua a deliberare somme considerevoli per "eventi" dall’incerto valore
turistico e culturale. In questo quadro va inserito l’evento "Un campione per
amico": due ore di gioco per alcuni bambini delle scuole elementari e medie di
Terracina in compagnia di alcune celebrità sportive del passato. Nel verbale di
deliberazione della giunta comunale numero 209 del 25 maggio 2007, alla presenza
della totalità degli assessori, la Giunta delibera di impegnare la somma di
26.400 euro quale contributo all’organizzatore dell’evento (Alleanza sportiva
italiana). La somma occorre per fronteggiare le spese per la realizzazione della
manifestazione sportiva. Non sappiamo se la somma sia stata erogata, ma di certo
deliberata. La kermesse, dapprima in programma per il 29 maggio, ha avuto il suo
svolgimento causa motivi atmosferici nel settembre scorso. Per una
manifestazione, ben sponsorizzata da una nota casa automobilistica, il comune si
impegna a versare 26.400,00 euro iva compresa. Un bel regalo per i bambini che
hanno così potuto conoscere per alcuni minuti Adriano Panatta e Bruno Conti, un
bel "colpo" per alcuni dei loro genitori ai quali non sono stati ancora dati i
contributi per la fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo come
stabilito dalla Legge 10 marzo 2000
di DANIELE SPERLONGA

(continua…)

Comments 2 Commenti »

(continua…)

Comments 11 Commenti »


Ancora niente sul fronte pagamenti ai dipendenti della Terracina Ambiente. Dopo
l’assemblea del 12 agosto scorso, i sindacati FP-CGIL e FIT-CISL hanno richiesto
un incontro con il CdA per risolvere le più importanti problematiche. La
Terracina Ambiente aveva annunciato un ritardo di 10 giorni nel pagamento delle
spettanze di luglio addebitando la colpa al mancato mandato comunale. Ad
un’insurrezione dei dipendenti il vicesindaco Giuliano Masci aveva mostrato il
pagamento effettuato alla Terracina Ambiente. I sindacati hanno voluto aspettare
una risposta dall’azienda che ancora non è arrivata. L’assemblea del personale
riunitasi ha deciso, per far fronte delle mancate risposte alle problematiche
relative alla carenza di personale, alle attrezzature inadeguate e all’avvio
della differenziata, lo stato di agitazione con blocco dello straordinario e ha
richiesto: un immediato confronto con tutto il CdA, entro e non oltre la prima
settimana di Settembre; l’adozione di un piano industriale adeguato ad una città
con rilevante presenza turistica; lo sviluppo di un piano di investimenti con
scadenze intermedie precise, verificabili e da rispettare.
Ros.Ber

(continua…)

Comments 3 Commenti »

Il comune di Terracina è moroso verso Telecom oppure è Telecom che è insolvente
nei confronti dello Stato?
L’arcano sembra risolto. Il gestore di telefonia
chiarisce la propria posizione in merito alla vicenda che l’ha visto coinvolto
dal comune di Terracina nella questione delle linee telefoniche del tribunale
paralizzate per circa due mesi. Il sindaco Stefano Nardi aveva dichiarato la
morosità della Telecom nei confronti dello Stato e la completa mancanza di
responsabilità dell’amministrazione, professando anche la completa ma vana
disponibilità a risolvere la questione. Telecom Italia ora fa sapere che "la
sospensione del servizio, per il caso in esame, è stata preannunciata con
congruo anticipo e messa in atto per il mancato rispetto delle scadenze previste
dal piano di rientro accordato con il comune di Terracina". Con quest’ultimo
capitolo speriamo si concluda la vicenda, considerando che da qualche settimana
il servizio di telefonia è stato ripristinato.

(continua…)

Comments 10 Commenti »

(continua…)

Comments 13 Commenti »


Simone Venier canottiere delle Fiamme Gialle di Sabaudia, ieri a Pechino ha

(continua…)

Comments 5 Commenti »

(continua…)

Comments 10 Commenti »

(continua…)

Comments 7 Commenti »

(continua…)

Comments 9 Commenti »

(continua…)

Comments 4 Commenti »

(continua…)

Comments 23 Commenti »

(continua…)

Comments Nessun commento »

(continua…)

Comments 5 Commenti »

L’amministrazione non versa la quota alla Terracina Ambiente, società
partecipata di cui il comune detiene il 51%, la quale non avendo i fondi non
paga i dipendenti.
Il gioco delle scatole cinesi. Si sono visti recapitare una
lettera in cui si spiegava che la Terracina Ambiente, società per cui lavorano,
non avrebbe corrisposto gli stipendi del mese di luglio prima del 25 agosto,
così i dipendenti della Terracina Ambiente, ieri mattina, hanno voluto vederci
chiaro e si sono riuniti nella sala giunta del comune di Terracina per chiedere
spiegazioni sul ritardo del pagamento dei salari. «Questi lavoratori fanno
grandi sacrifici – spiega Massimo Feudi, sindacalista Fit Cisl, presente
all’incontro – lavorando con mezzi fatiscenti, obsoleti e con l’organico
sottodimensionato. In più devono recuperare le percentuali di tassazione del
730. Ed ora dopo questa mazzata sono sbottati». Perché una società come la
Terracina Ambiente non ha le risorse per eseguire quanto previsto dall’appalto?
Non ha ricevuto il canone dal comune e non paga i suoi dipendenti. Mancanza di
liquidità, anche perché il sistema di meccanizzazione dei tributi a Terracina
sembra essere un optional. I lavoratori chiedono un intervento di "solidarietà"
affinché si smuova la situazione e vengano retribuiti. Dipendenti che non
possono nemmeno incrociare le braccia: uno sciopero selvaggio in questo periodo
dell’anno creerebbe problemi igienico sanitari incalcolabili. Altro capitolo la
raccolta differenziata. In questo momento non ci sarebbe l’organizzazione
necessaria per offrire il sevizio alla cittadinanza. «Occorre un’opera di
sensibilizzazione e una struttura che non possono essere create in poco tempo.
Se i ‘paletti’ verranno rispettati si potrà partire da ottobre», conclude il
sindacalista Massimo Feudi.
di DANIELE SPERLONGA

(continua…)

Comments 9 Commenti »

(continua…)

Comments 6 Commenti »

11 Agosto, Lunedì

(continua…)

Comments 6 Commenti »

(continua…)

Comments 12 Commenti »

(continua…)

Comments 5 Commenti »

(continua…)

Comments 6 Commenti »

(continua…)

Comments 2 Commenti »

(continua…)

Comments 8 Commenti »

(continua…)

Comments 9 Commenti »

(continua…)

Comments 1 Commento »

(continua…)

Comments 13 Commenti »

(continua…)

Comments 10 Commenti »

(continua…)

Comments 2 Commenti »

Stop alla vendita di alcool dopo le 2 di notte. È in arrivo un’ordinanza che
vieta la vendita di bevande alcoliche oltre le ore due. Lo fa sapere in una nota
l’amministrazione comunale, contestualmente al provvedimento deciso dal sindaco
Stefano Nardi di chiedere apposita ordinanza al dirigente dell’ufficio
commercio. Un intervento che coinvolgerà anche la polizia municipale, la Finanza
e Carabinieri. Tutte le forze dell’ ordine infatti controlleranno
il territorio fino a dopo il 15 agosto con servizi aggiuntivi, in
particolare in Piazza Garibaldi e aree adiacenti e in tutto il perimetro della
spiaggia di Levante. «Quello che ci apprestiamo a porre in atto – afferma il
sindaco – è un servizio in più a quello svolto istituzionalmente dalle Forze
dell’ordine in un particolare e delicato momento della stagione balneare. Ma lo
ritengo anche un momento di vera prevenzione tesa ad evitare che i tanti giovani
e meno giovani che frequentano la città in questi giorni eccedano
nell’assunzione di bevande alcoliche, con eventuali momenti di frizioni tra
gruppi di provenienza territoriale diversa, o in incidenti stradali». Il sindaco
specifica anche che la decisione di monitorare piazza Garibaldi e la spiaggia di
Levante, che si è resa necessaria dopo le segnalazioni di alcuni residenti in
merito ad alcune liti e risse tra i vari gruppi di giovani nelle due zone della
città. «Sono sicuro – termina Nardi – che le forze dell’ordine, come sempre
professionalmente ineccepibili, anche in questa occasione sapranno farsi valere
nel prevenire ed eventualmente reprimere ogni reato, piccolo o grande che sia,
nell’interesse esclusivo della collettività ». La nota dell’amministrazione
comunale ribadisce inoltre la validità dell’ordinanza che fa divieto dalle ore
22 ai locali pubblici del territorio comunale dell’asporto di bevande alcoliche.
Diego Roma

(continua…)

Comments 9 Commenti »

(continua…)

Comments 10 Commenti »

Terracina. La cava va in consiglio e Di Mauro sbotta
L’amministrazione Nardi sta per ratificare il cambio di destinazione d’uso di un
terreno di demanio collettivo per consentire un’ attività di cava di calcare
all’interno del parco naturale, ai margini del monumento naturale di
Camposoriano. "Come fermare l’ennesima aggressione al patrimonio ambientale e
naturalistico della città che componenti della maggioranza del consiglio
comunale di Terracina si accingono a compiere?" scrive il consigliere Gino Di
Mauro. "Spezzoni forti della maggioranza premono perché il consiglio comunale,
prescindendo da un confronto su quali dovrebbero essere gli indirizzi e le linee
guida per uno sviluppo sostenibile di città, assecondi una richiesta scellerata
di aggressione alle potenzialità economiche di una città che si continua a
definire a vocazione turistica. Sono gli stessi – prosegue – che in questi
giorni sulla stampa locale hanno sbandierato un modo di concepire il ruolo
dell’amministratore che non è quello di guida e di mediazione tra i diversi
interessi per uno sviluppo armonico della città, ma di passiva acquiescenza a
ogni richiesta, purché funzionale al mantenimento del loro sistema di potere.
Fino a quando – si chiede – sarà loro consentito di abusare di una collettività
costretta dalla forza dei numeri che essi hanno in consiglio comunale a subire
che interessi di singoli prevalgano sull’interesse generale?" Domani alle 18 e
30 intanto l’assise deciderà sulla cava. Si discuterà anche del regolamento per
la somministrazione di alimenti e bevande e del piano di zona 167 del quartiere
Arene I.

(continua…)

Comments 44 Commenti »

 

(continua…)

Comments 8 Commenti »

(continua…)

Comments 14 Commenti »

(continua…)

Comments 6 Commenti »

(continua…)

Comments 12 Commenti »

(continua…)

Comments 5 Commenti »

«L’attuale maggioranza non rappresenta la Destra».
Non è secessione all’interno di AN, ma è certo un netto distinguo rispetto
all’amministrazione a guida Nardi. Così, con una dura presa di posizione, il
Circolo XXIV Maggio di AN reagisce alla revoca della delega assessorile per
Mariano De Gregorio. Il Circolo XXIV Maggio, uno dei più importanti della città
con i suoi 250 iscritti. Tra di essi anche Mariano De Gregorio, primo degli
eletti alle ultime consultazioni (secondo il metodo D’Hondt). La defenestrazione
dell’assessore all’Ambiente (atteggiamenti non più coerenti, rapporti personali
non buoni con il sottoscritto: questa la giustificazione di Nardi) non è
risultata per nulla gradita a quelli del Circolo. «Esprimiamo stupore alle
parole del primo cittadino, quando dice di non capire il silenzio dell’ex
assessore dopo la sua decisione estemporanea di rimuoverlo dall’incarico. Il
fatto è che non è affatto interessato ad alcun chiarimento, visto che le sue
posizioni critiche sullo stato di salute dell’amministrazione civica, come tutti
sanno, le ha ampiamente espresse in ogni circostanza ed in ogni forma.
Disillusi:"Lo stesso sindaco aveva promesso e non mantenuto al Circolo che le
cose sarebbero cambiate nel suo secondo mandato. Già da tempo sia il Circolo che
De Gregorio avevano ampiamente manifestato il proprio disappunto sulla
conduzione dell’Amministrazione, troppo lontana oramai dalla gente". La
conclusione politica: «Valutato che l’attuale situazione di stallo e di
incapacità amministrativa sta penalizzando fortemente AN, si ritiene che siano
venuti meno i presupposti per una collaborazione con l’attuale Amministrazione
che oramai rappresenta solo se stessa e si annuncia la volontà di rilanciare un
vero, serio e aperto dibattito politico nel rispetto dei propri elettori. Il
Circolo si auspica di trovare una platea di persone volenterose per rifondare a
Terracina una cultura politica di destra degna di questo nome».
Er.Ber.

(continua…)

Comments 5 Commenti »

(continua…)

Comments 7 Commenti »

(continua…)

Comments 5 Commenti »

(continua…)

Comments 2 Commenti »